Sorana Cirstea: 'Konta insultata? A me in passato hanno fatto di peggio''



by   |  LETTURE 9751

Sorana Cirstea: 'Konta insultata? A me in passato hanno fatto di peggio''

Diverse reazioni contrastanti al brutto comportamento di Ilie Nastase nella sfida di Fed Cup tra Gran Bretagna e Romania. Il capitano ha infatti usato parole scurrili nei confronti delle avversarie e questa domenica non potrà assistere agli incontri dal vivo.

Il match tra Johanna Konta e Sorana Cirstea è stato addirittura sospeso per venti minuti sul 6-2 1-2 a favore della britannnica perché la Konta era quasi scioccata dagli insulti ricevuti. Alla ripresa non ha avuto problemi a chiudere 6-2 6-3, e ovviamente la delusione della Cirstea è palpabile.

La rumena ha accusato la Konta di aver voluto spezzare il ritmo nel fermarsi per così tanto tempo. "Non sono contenta - ha detto la Cirstea - Dal punto di vista del gioco è stata meglio di me oggi. Il problema che ancora non capisco è il motivo per cui il match è stato sospeso.

Non ho sentito ciò che ha detto Ilie, ma capisco che lo si allontani, perfetto. Poi giochiamo un altro game, lo vinco e all'improvviso comincia a piangere e va fuori dal campo. Ho giocato in tutto il mondo, mi hanno chiamato zingara, pu*****, stronza, idiota.

.. facevano tipo (si mette la mano alla gola, ndr)." "Non ho mai piantò o abbandonato il campo, sono rimasta lì e ho giocato. Dopo di ché vado dall'arbitro e chiedo cosa devo fare? Devo stare in campo, andare fuori? Mi ha detto 'non lo so'

Sono andata dal supervisor, ho detto 'cosa devo fare, quanto dura la pausa?' Mi ha detto 'non lo so' Non esistevamo più, solo la squadra britannica esisteva. E poi quando torna in campo mi dice 'mi dispiace', quindi sapeva di aver esagerato.

Non si fa, si rimane in campo e si gioca. E il pubblico non ha fatto niente mentre loro dicevano che erano state minacciate. Siamo in Romania, tutti sono gentili, le abbiamo trattate così bene. Non penso sia giusto fare di tutta l'erba un fascio perché siamo un Paese più piccolo rispetto all'Inghilterra.

La prossima volta che sono nei guai piangerò, magari posso uscire dal campo." Anne Keothavong è stata piuttosto critica nei confronti di Nastase, che era già sotto indagine per aver chiesto alla capitana britannica il suo numero di stanza e aver fatto una dichiarazione razzista sul futuro figlio di Serena Williams.

"Ciò che ha detto sia a me che a Johanna non lo ripeterò perché è un linguaggio non appropriato per nessuno. Non è per queste cose che siamo venuti qui. Siamo venuti qui per giocare un match competitivo contro la Romania in un ambiente giusto e certamente non ci aspettavamo abusi verbali."

La Konta, che ha parlato prima di Cirstea, ha detto: "È qualcosa di brutto che il pubblico abbia preso spunto dal comportamento del capitano rumeno, è stato scioccante il linguaggio che usavano tutti.

È stato snervante, ma amo il tennis. Sono entusiasta per il fatto che lo stadio fosse da tutto esaurito, significa cje la gente è venuta per guardarci giocare un gran tennis. Spero di giocare al mio meglio domani."

IL VIDEO DELL'ACCADUTO LINK