FED CUP – Superficie troppo veloce. La Repubblica Ceca rischia una sanzione



by   |  LETTURE 1724

FED CUP – Superficie troppo veloce. La Repubblica Ceca rischia una sanzione

Dopo le vittorie di Petra Kvitova e Lucie Safarova nella giornata di sabato, manca solo un punto alla Repubblica Ceca per aggiudicarsi il titolo (nd.r.: è attualmente in corso il 3° match Kvitova - Kerber). Tuttavia si sta già affrontando una delicata questione parallelamente all’attuale svolgimento degli incontri.

Dai rilevamenti svolti nella O2 Arena di Praga prima dell’inizio della finale è emerso che la superficie è più rapida di quanto consentito dall’ITF. La squadra ceca potrebbe pertanto essere penalizzata economicamente e/o sportivamente.

Secondo un portavoce della ITF (International Tennis Federation), i test di misurazione della velocità effettuati prima dell’inizio dei match indicavano che la superficie era più veloce di quanto permesso; tuttavia non c'era abbastanza tempo per modificarla prima di Sabato.

Come riportato dalle regole della ITF, le superfici diverse da terra o erba devono avere un indice di velocità compreso tra 24 e 50 durante i test con le palline ufficiali della competizione. Qualsiasi violazione di questi limiti può consentire una delle seguenti sanzioni per la squadra ospitante:
- Riduzione di punti nel Ranking della Federation Cup
- Multe
- Perdita (totale o parziale) dei diritti relativi alle norme sulle retribuzioni delle Nazionali
- Impossibilità di scelta della superficie nelle occasioni successive o future, quando il paese avrà il potere di scelta
- Retrocessione ad una categoria inferiore rispetto all’attuale
- Squalifica dalla competizione in corso o esclusione dalle competizioni future Allo stato attuale la squadra tedesca non ha formalmente protestato con la ITF.

Tuttavia, un portavoce della Federazione Internazionale ha comunicato ieri che tale irregolarità potrebbe tradursi in una sanzione per la Federazione ceca.