Alcaraz: "È frustrante. Dimitrov mi ha fatto sentire come un ragazzino di 13 anni"

Lo spagnolo non ha utilizzato giri di parole in conferenza stampa

by Antonio Frappola
SHARE
Alcaraz: "È frustrante. Dimitrov mi ha fatto sentire come un ragazzino di 13 anni"
© Al Bello/Getty Images

Il sogno Sunshine Double coltivato da Carlos Alcaraz a Miami è svanito ai quarti di finale sotto i colpi di un irrefrenabile Grigor Dimitrov. Il bulgaro ha comandato la partita proponendo - come di consueto - un tennis aggressivo.

Alcaraz non è riuscito a contenere questa aggressività e si è ritrovato sotto 4-6, 1-4 in meno di un'ora senza capire bene come provare ad arginare il suo avversario. La reazione dello spagnolo è arrivata nel momento opportuno, perché ha mostrato il suo orgoglio nel sesto e nel settimo game e successivamente pareggiato i conti portandosi sul 4-4.

Dimitrov, però, non si è lasciato condizionare dalla grande occasione sprecata e ha trovato il break del ko nel decimo gioco.

Carlos Alcaraz: "È frustrante. Dimitrov mi ha fatto sentire come se avessi 13 anni"

"Penso che lui abbia giocato un tennis fantastico, quasi perfetto, se posso utilizzare questo termine.

Non sono stato in grado di trovare soluzioni. Non riuscivo a trovare un modo per farlo sentire a disagio in campo. Ha giocato una grande partita. Credo di aver espresso un buon tennis. Ho lasciato il campo pensando che avrei dovuto cambiare il mio gioco prima, ma sento comunque di aver espresso un buon tennis.

Sono molto frustrato in questo momento, perché mi ha fatto sentire come se fossi un ragazzino di 13 anni( ride, ndr) . È stato pazzesco, parlavo con la mia squadra e dicevo: 'Non so cosa devo fare' " , ha spiegato Alcaraz in conferenza stampa complimentandosi con Dimitrov per l'eccezionale prestazione.

"Oggi ho giocato meglio rispetto al match disputato a Shanghai( si riferisce alla sconfittaa subita lo scorso 11 ottobre contro Dimitrov, ndr) . In Cina ho commesso molti errori. Ma credo che anche lui abbia giocato molto meglio.

Ho bisogno di alcuni giorni per analizzare tutto, ma non abbiamo tempo. La stagione è appena iniziata e ci sono molti tornei. Mi devo allenare e non vedo l'ora di disputare il prossimo torneo" .

Alcaraz
SHARE