Carlos Alcaraz: "Non sono ancora al livello di Federer, Djokovic e Nadal"

Interessanti dichiarazioni da parte del giovane talento spagnolo

by Mario Tramo
SHARE
Carlos Alcaraz: "Non sono ancora al livello di Federer, Djokovic e Nadal"
© Marcelo Endelli/Getty Images

Con qualche sofferenza di troppo e sicuramente non con una prestazione sontuosa Carlos Alcaraz è tornato in campo con una vittoria, battuto in due set il numero 134 delle classifiche mondiali Ugo Carabelli, padrone di casa a Buenos Aires.

Il tennista spagnolo ha parlato nella consueta conferenza stampa post match ed ha rilasciato diverse dichiarazioni, ecco le sue parole: "È stata na sfida molto difficile, stavo bene ma all'inizio c'era sempre un po' di nervosismo, è normale all'inizio dei tornei.

I primi turni sono sempre difficili, soprattutto quando devi ricominciare da una nuova superficie come la terra battuta, è il mio primo match sulla terra dal Roland Garros 2023. Il mio avversario dava ritmo e peso, non è stato un match complicato ma tolto un momento dove ho commesso troppi errori sono soddisfatto della mia prestazione, ho offerto un match di buon livello.

Sento di stare bene fisicamente e mentalmente, credo che posso fare un buon tour sulla terra. Differenze tra numero 2 e numero 134? Si tratta solo di dettagli che differenziano i tennisti al vertice con quelli più indietro in classifica, ma a livello di te non c'è molta differenza e in ogni sfida può succedere di tutto, nel tennis non si può dare nulla per scontato".

Sugli alti e bassi Alcaraz ha spiegato: "Non voglio fare per due volte gli stessi errori, lo dissi anche dopo la sfida al Roland Garros con Djokovic. Ci sono tante partite e voglio migliorare nonostante gli altri e bassi. Cerchiamo di crescere, va detto che dopo Wimbledon la stagione non è andata molto bene e voglio migliorare.

Io un crack? Non mi considero un crack, ma un tennista molto bravo. Ho solo 20 anni ma ho già vissuto momenti importanti ed ho una determinata esperienza. Considero come dei crack Djokovic, Nadal e Federer, per essere così devi essere bravo in tutto e io ho ancora molto da migliorare.

C'è ancora molta strada prima di definirmi così", ha definito in chiusura il tennista. Ora Alcaraz affronterà un tennista italiano visto che ai Quarti di finale è atteso dalla sfida contro il nostro Vavassori, unico italiano rimasto nel torneo dopo il ko di Darderi.

Carlos Alcaraz
SHARE