Ferrero coccola Alcaraz: “Ho tre figli a casa, lui è come se fosse il quarto”

Da ex numero uno ad attuale leader del tennis mondiale, il coach ribadisce lo speciale rapporto che lo lega al murciano sin dalla tenera età

by Giuseppe Migliaccio
SHARE
Ferrero coccola Alcaraz: “Ho tre figli a casa, lui è come se fosse il quarto”

Ciò che sta rendendo Carlos Alcaraz l’attuale dominatore del circuito è indubbiamente il suo enorme talento. Un ingrediente fondamentale di questa ‘ricetta’ è, però, chi lavora dietro le quinte per permettergli di performare, e in particolare il suo coach Juan Carlos Ferrero.

L’ex numero uno del mondo sta conducendo con grande maestria Alcaraz nel seguire le sue orme, trasferendogli, oltre alla tecnica, qualità umane di un certo spessore. È proprio lo speciale rapporto affettivo che è nato tra i due, infatti, a far sì che tutto il processo si stia concretizzando in maniera sana e solida.

È come il mio quarto figlio, ho tre figli a casa e lui è il quarto”, ha dichiarato Ferrero in una recente intervista rilasciata a Tennis Channel. “Mi piace la situazione che si crea, creiamo qualcosa di più di un allenatore e di un giocatore e abbiamo un grande rispetto l'uno per l'altro” .

Ferrero racconta il primo incontro con Alcaraz

La scintilla tra Juan Carlos Ferrero e Carlos Alcaraz risale circa al 2016.

L’astro nascente di El Palmar, appena tredicenne, si appresta a trovare il maestro che possa far sbocciare il suo immenso talento. E l’incontro, quasi per caso, avvenne. Ferrero sentì parlare di un ragazzino che giocava veramente bene, con una intensità e una varietà di colpi diversa dagli altri, e pertanto decise di andarlo a vedere.

Ebbene, quell’incontro fu destinato a stravolgere in positivo la vita sua e di Carlos stesso. I due si uniranno professionalmente nel 2019 e da lì ad oggi l’ascesa di Alcaraz si è rivelata inarrestabile.

“L'ho incontrato quando aveva 12 o 13 anni. Stava giocando in un torneo. La gente veniva da me e mi diceva che c'era un ragazzo che giocava in modo molto diverso. Giocava con molti drop shot, andava a rete ed era molto dinamico in campo”, ha raccontato Ferrero a Tennis Channel.

Su di lui le aspettative ora sono legittimamente altissime, tanto da raffrontarlo in molti casi alla leggenda Rafael Nadal. Ferrero, tuttavia, ha preso le distanze da questo genere di accostamenti: “Lui è Carlos, ovviamente.

Penso che per la gente ora debba essere un nuovo sogno. So che è difficile vincere 22 Grandi Slam, ma allo stesso tempo si può vedere quanto Carlos sogna, e credo che arriverà in alto” . Photo Credits: EFE/MMO

Alcaraz
SHARE