'Deve ragionare sul lungo termine': Steve Flink mette in guardia Carlos Alcaraz

Alcaraz ha visto sfumare la possibilità di vincere il suo secondo titolo consecutivo a Rio

by Simone Brugnoli
SHARE
'Deve ragionare sul lungo termine': Steve Flink mette in guardia Carlos Alcaraz

Carlos Alcaraz ha visto sfumare la possibilità di vincere il suo secondo titolo consecutivo a Rio e non è riuscito ad agganciare Novak Djokovic in vetta al ranking ATP. Il 19enne spagnolo conduceva di un set e di un break in finale contro Cameron Norrie, ma il fisico lo ha abbandonato sul più bello costringendolo a subire una rimonta tanto inaspettata quanto beffarda.

A partire dal secondo set, ‘Carlitos’ ha avvertito un dolore abbastanza acuto allo stesso muscolo della gamba dove aveva avuto l’infortunio ad inizio anno. Ricordiamo che quel problema lo aveva obbligato a saltare gli Australian Open 2023, facendogli perdere la prima posizione in classifica in favore di Djokovic.

Il pupillo di Juan Carlos Ferrero dovrebbe giocare l’ATP 500 di Acapulco questa settimana, ma la sua partecipazione al torneo messicano è in forte dubbio viste le circostanze. Nell’ultima edizione del podcast ‘Court-Side with Beilinson Tennis’, il noto giornalista (membro della Hall of Fame) Steve Flink ha invitato Alcaraz a prendersi cura del suo fisico e a rifinire nel dettaglio la sua programmazione.

Carlos Alcaraz si è fatto male di nuovo

“C’è il timore che Carlos Alcaraz abbia un problema serio a quella gamba e continuare a giocarci sopra non gli ha fatto bene. Speriamo soltanto che Carlos valuti bene quali tornei giocare il mese prossimo” – ha analizzato Flink.

“Non sarebbe una buona idea andare ad Acapulco e giocare per la terza settimana di fila. Rischierebbe di farsi male sul serio. Mi auguro con tutto il cuore che non commetta questo errore. Alcaraz è ancora giovanissimo e deve iniziare a ragionare sul lungo termine, non deve preoccuparsi soltanto dell’immediato.

Ha avuto diversi guai fisici negli ultimi mesi e deve trovare una soluzione. Tutti quanti speriamo di vederlo in campo a 30 anni come le tre grandi icone di questa generazione. Ciò accadrà soltanto se riceverà consigli saggi e sarà disposto a mettere da parte le proprie ambizioni in nome della salute” – ha aggiunto Steve.

Il murciano sarà chiamato a difendere la semifinale a Indian Wells e il titolo a Miami. Photo credit: Getty Images

Carlos Alcaraz
SHARE