Petchey: "Carlos Alcaraz potrebbe non arrivare a 10 Slam"

L’esplosione di Carlos Alcaraz ha portato il tennis in una nuova era

by Simone Brugnoli
SHARE
Petchey: "Carlos Alcaraz potrebbe non arrivare a 10 Slam"

L’esplosione di Carlos Alcaraz ha portato il tennis in una nuova era, complici anche i dolorosi ritiri di Roger Federer e Serena Williams. Il 19enne spagnolo ha lasciato tutti senza parole l’anno scorso, aggiudicandosi gli US Open e diventando il più giovane numero 1 nella storia del tennis maschile.

Come se non bastasse, il pupillo di Juan Carlos Ferrero si è aggiudicato due Masters 1000 (Miami e Madrid) e altrettanti ATP 500 (Rio e Barcellona). Sono in molti a ritenere che il murciano diventerà un’icona globale, grazie al suo innato carisma e ad uno stile di gioco molto spettacolare.

Gli ultimi mesi non sono stati semplici per ‘Carlitos’, che ha dovuto fare i conti con diversi infortuni. Una lesione alla gamba rimediata in allenamento lo ha costretto a saltare gli Australian Open, facendogli perdere anche la prima posizione del ranking ATP.

A scalzarlo dal trono dopo 20 settimane di regno è stato Novak Djokovic, capace di imporsi per la decima volta ‘Down Under’. Il serbo ha lasciato per strada un solo set in tutto il torneo.

Carlos Alcaraz ha bruciato le tappe

Nonostante sia ancora giovanissimo, gli addetti ai lavori non esitano a sbilanciarsi sul futuro di Alcaraz.

Attraverso il suo profilo Twitter, Mark Petchey ha espresso alcune considerazioni interessanti su Carlos: “Io non credo che Alcaraz vincerà 20 titoli del Grande Slam. I Big 3 hanno infranto una miriade di record e ci hanno fatto credere che certi numeri siano ‘normali’.

Carlos potrebbe non arrivare nemmeno a 10 Slam, non è un’impresa facile. Tuttavia – al pari di Bjorn Borg – penso che Alcaraz sarà uno dei tennisti più influenti nella storia del gioco.

Il suo tennis è a dir poco scintillante”. Ospite nell’ultima edizione del ‘Monday Match Analysis Show’, il noto giornalista Steve Flink ha affermato che Alcaraz avrà molta più pressione quest’anno: “Carlos Alcaraz era il ragazzino in ascesa nel 2022 e poteva giocare sulle ali dell’entusiasmo.

Il suo rendimento ha lasciato tutti a bocca aperta ed è riuscito addirittura a chiudere l’anno in vetta al ranking ATP. Lui stesso ha ammesso che non si aspettava di ottenere risultati del genere così presto”. Photo credit: Getty Images

Carlos Alcaraz
SHARE