Carlos Alcaraz avvicina il record di una leggenda del Tennis



by   |  LETTURE 1117

Carlos Alcaraz avvicina il record di una leggenda del Tennis

Carlos Alcaraz come da lui stesso annunciato sui social, salterà l’Australian Open. Lo Spagnolo, avrebbe affrontato il primo Slam della sua carriera da numero 1 al mondo. Sfortuna ha voluto, che a pochi giorni dall’inizio del Major Australiano, il talento di El Palmar, in un match di allenamento contro il promettente adolescente Darwin Blanch, abbia riportato una lesione al muscolo semimembranoso della coscia destra, Non un infortunio grave, ma che è bastato a tenerlo fuori dal primo grande evento della stagione.

Il 19enne, campione dell’ultima edizione degli Us Open, aveva iniziato il 2022 appena fuori la top 30, ma il suo anno si è concluso con un primato in classifica che ha fatto parlare il mondo. Oltre al successo a Flashing Meadows, il tennista iberico è riuscito a conquistare anche i Masters 1000 di Madrid e Miami, oltre che l’Atp 500 di Barcellona, ma ha concluso la stagione anzitempo a causa di un infortunio ai muscoli addominali e si è ritirato dalle Atp Finals di Torino e dalle finali della Coppa Davis.

Mai nessun giocatore alla sua età si era posizionato cosi in alto. Un record di precocità che lo ha visto precedere il suo idolo Rafael Nadal, entrando dritto nei libri di storia. Ad oggi sono 18 le settimane che vedono l’allievo di Juan Carlos Ferrero al comando, staccando cosi Daniil Medvedev fermo a 16 e a - 2 da una leggenda di questo sport, l’ex giocatore, ora commentatore televisivo Mats Wilander.

Alcaraz è il 17esimo giocatore con almeno 18 settimane sul trono ATP, ed è garantito che ne spenderà altri due durante L'Happy Slam e riuscirà ad agganciare lo svedese. Tuttavia, il fenomeno spagnolo, a causa del forfait al primo Slam dello stagione, potrebbe lasciare strada spianata ai suoi avversari, in particolar modo a Novak Djokovic, Casper Ruud e Stefanos Tsitsipas, che in caso di successo gli soffierebbero lo scettro di numero uno al mondo. Photo Credit: Getty Images