Alcaraz, con Ferrero non solo lavoro: "Lo considero un grande amico"



by   |  LETTURE 1596

Alcaraz, con Ferrero non solo lavoro: "Lo considero un grande amico"

Una stagione storica. Impreziosita dal primo Slam in carriera e dalla vetta del ranking, 'scippata' in qualche modo a Casper Ruud nella partita decisiva. A diciannove anni Carlos Alcaraz ha completamente distrutto il libro dei record, segnando inequivocabilmente la storia del Gioco e diventando il più giovane a raggiungere la prima posizione della classifica mondiale dal 1973.

"Significa tanto per me" ha detto al sito Atp nel corso di una lunghissima intervista. "Avere tra le mani il trofeo del numero uno, aver riscritto la storia di questo sport, si tratta di una sensazione incredibile. Non avrei mai pensato di poter ottenere questi risultati già a questa età.

Tutto è successo molto in fretta, ma si tratta comunque di qualcosa che ho sognato sin da quando ero bambino che è frutto di tutto il lavoro che ho fatto. Niente è stato facile" ha detto.

Dalla famiglia al rapporto con Ferrero: Alcaraz si confessa

Alcaraz ha parlato dei momenti più importanti della stagione con una certa sincerità, evidenziando anche alcuni lati un po' più nascosti del proprio carattere.

Storico anche il successo a Madrid, di fronte la propria famiglia, a una manciata di mesi di distanza dalla prima vittoria '1000' a Miami. "Sono un ragazzo molto attaccato alla famiglia. Sin da ragazzino, preferivo rimanere a casa con i miei genitori piuttosto che da qualche altra parte.

Poter festeggiare quel titolo con loro, i miei zii, i miei cari, è stato incredibile" ha detto. Proprio a Miami, a causa della perdita del padre, Juan Carlos Ferrero era stato l'unico membro del team a non spostarsi in Florida ma a ritornare a casa.

"Diciamo che se non è la persona più importante per me al momento, ci siamo vicini. Dal punto di vista professionale e anche da quello umano. Mi aiuta molto in entrambi i casi. Quando siamo insieme parliamo semplicemente di tutto.

Del nostro sport, di calcio, di vita. Oltre a un allenatore lo considero anche un amico e non penso ci possa essere qualcosa di meglio" ha spiegato. Photo Credit: Getty Images