'Ha un grosso punto debole': Wilander avverte Carlos Alcaraz



by   |  LETTURE 5029

'Ha un grosso punto debole': Wilander avverte Carlos Alcaraz

Questa stagione ha offerto diversi spunti di interesse. Rafael Nadal e Novak Djokovic si sono spartiti i primi tre Slam del 2022, allontanando per l’ennesima volta lo spettro del ritiro. Lo spagnolo si è imposto agli Australian Open e al Roland Garros, nonostante il dolore al piede lo abbia costretto a sottoporsi ad una serie di infiltrazioni.

Il serbo, dal canto suo, ha trionfato a Wimbledon per la settima volta in carriera eguagliando il suo idolo Pete Sampras. Il 35enne di Belgrado si è così issato a quota 21 Major, ad una sola lunghezza di distanza da Nadal nella classifica all-time.

L’ex numero 1 del mondo ha incontrato parecchie difficoltà quest’anno a causa della sua scelta di non vaccinarsi contro il Coronavirus. Nole ha infatti dovuto rinunciare agli Australian Open e agli US Open, due tornei in cui sarebbe stato il principale favorito per la vittoria.

A New York ha vinto Carlos Alcaraz, che è diventato il più giovane numero 1 nella storia del tennis maschile. Il 19enne di Murcia ha impreziosito la sua stagione aggiudicandosi i Masters 1000 di Miami e Madrid.

Ai microfoni di Eurosport, Mats Wilander ha rivelato qual è il più grande punto debole di ‘Carlitos’ in questo momento.

Wilander avverte Alcaraz

“Carlos Alcaraz vincerà meno di Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer, perché il suo servizio è troppo debole in questo momento” – ha analizzato Wilander.

“Quando si trova ad affrontare un giocatore come Felix Auger-Aliassime, che tira fortissimo ed è molto preciso, Carlos fa molta fatica” – ha aggiunto Mats. Lo svedese ha parlato anche di Roger Federer: “Non è facile accettare che non giocherà più.

Speravo che riuscisse a disputare altri 3-4 tornei, ma forse era solo un’illusione. Se osserviamo il livello a cui è arrivato il gioco negli ultimi due anni, ci accorgiamo che è quasi impossibile essere competitivi a 40-41 anni.

Federer ha portato il tennis ad un altro livello, diventando uno dei più grandi atleti di sempre. Ha fatto innamorare milioni di persone in tutto il mondo”. Photo credit: Twitter ATP