Alcaraz: "Non capisco perché mi paragonano ai Big 3. Futuro? Scelgo Jannik Sinner"



by   |  LETTURE 10717

Alcaraz: "Non capisco perché mi paragonano ai Big 3. Futuro? Scelgo Jannik Sinner"

Il 2022 di Carlos Alcaraz è stato un anno pazzesco. Il diciannovenne spagnolo è partito alla grande a suon di successi ed ha concluso quest'ultima parte del 2022 con la vittoria degli Us Open. Grazie a questo successo Alcaraz è diventato il numero uno più giovane di sempre ed ha così riscritto la storia del tennis.

Il talento murciano ha partecipato ad un evento della BMW ed ha risposto ad alcune domande dei media. Ecco le sue parole: "Fin da piccolo sognavo di diventare numero uno e vincere il Grande Slam, ma ora voglio continuare a sognare e continuare a raggiungere nuovi traguardi.

Il mio obiettivo è restare numero uno il più a lungo possibile e voglio restare tra i migliori sempre. Come ho festeggiato il titolo? Il mio team già ci aveva pensato, ho festeggiato in un ristorante a New York con mio padre, mio fratello e i miei zii oltre ovviamente al mio team.

Fortunatamente ho un team molto attento che mi aiuta sempre. Sto vivendo tutto quello che ho sempre sognato".

Alcaraz sui Big Three

Visto i numeri straordinari Carlos Alcaraz più volte viene paragonato ai Big Three e lo spagnolo ha continuato: "Non so per quale motivo mi paragonano ai Big Three.

Loro sono leggende ed hanno vinto tutto, io sto solo agli inizi. Tutto ciò non ha senso, io devo solo migliorare e lavorare per avvicinarmi a quei livelli. Il tennis è in continua evoluzione, ci sono sempre novità e lavoro per migliorare.

Chi scegliere tra i tennisti della generazione attuale e della prossima? Scelgo Alexander Zverev e Jannik Sinner". Lo spagnolo ha proseguito commentando nuovamente il ritiro di Roger Federer, annuncio che è arrivato in questi giorni: "È durato per davvero tanto tempo.

La cosa è impressionante è che ha giocato così tanto e non si è mai ritirato in carriera, io sono agli inizi e già mi sono ritirato una volta. È un tennista che ha fatto da regalo a tutti gli appassionati di sport, non solo di tennis.

Mi sarebbe piaciuto affrontarlo, ma non sarà possibile. Certo, sempre meglio di una sconfitta". Photo Credit: Official Carlos Alcaraz Twitter