Carlos Alcaraz come Ferrero: il record negativo per il nuovo numero uno



by   |  LETTURE 5372

Carlos Alcaraz come Ferrero: il record negativo per il nuovo numero uno

Pochi giorni fa il tennista spagnolo Carlos Alcaraz è entrato nella storia del tennis. Il diciannovenne atleta murciano ha vinto gli Us Open, il suo primo Slam in carriera, ed ha inoltre ottenuto lo scettro di tennista più giovane della storia a diventare numero uno al mondo.

Numeri importanti per il campione spagnolo che ha distrutto diversi record in questa stagione e vinto tornei importanti come Masters 1000 e appunto US Open. Il debutto di Alcaraz da numero uno non è stato però dei migliori con il tennista che ha ceduto in tre set all'altro giovane talento del tennis mondiale Felix Auger Aliassime, vincitore con il risultato di 6-7;6-4;6-2.

Alcaraz si è aggiudicato il primo parziale al tie-break ma quando il match sembrava in discesa ha subito la reazione del giovane nord americano, protagonista di una grande prestazione. Nel secondo set Auger Aliassime ha effettuato il break nel nono game pareggiando i conti mentre ha letteralmente dominato il terzo parziale con Carlos probabilmente stremato dalle recenti fatiche a New York.

Con questo risultato Alcaraz è protagonista di un insolito quanto deludente record.

Alcaraz ripete il record negativo di Ferrero

Era dai tempi di Juan Carlos Ferrero, curiosamente proprio il coach del nuovo numero uno, che il numero uno al mondo non perdeva al debutto.

Non è capitato con i Big Three mentre ai tempi di Ferrero lo spagnolo perse alla prima occasione da numero uno proprio in Coppa Davis, una curiosa quanto negativa coincidenza. Il tennista spagnolo ha poi commentato così dopo la sconfitta con la maglia della Spagna: "Penso che abbia giocato davvero bene.

Sono rimasto in partita per due ore, senza fare molti errori, ma dalla fine del secondo ho iniziato a sbagliare di più. Non sono stato in grado di gestirlo e lui ha servito in modo fenomenale. Le condizioni sono davvero difficili, con un campo molto lento e con solo due giorni di adattamento.

È una giornata difficile per me ma dobbiamo congratularci coi rivali, perché hanno giocato un confronto formidabile" Photo Credit: Official Instagram Carlos Alcaraz