Coppa Davis, allarme Spagna: dopo Rafa Nadal salta Carlos Alcaraz? Le ultime



by   |  LETTURE 14472

Coppa Davis, allarme Spagna: dopo Rafa Nadal salta Carlos Alcaraz? Le ultime

Carlos Alcaraz sta vivendo attualmente il periodo più bello della sua carriera da tennista professionista. Il giovanissimo iberico, con un sacco di anni nel circuito Atp ancora da giocare, ha realizzato il grande sogno di ottenere il primo Grande Slam e di diventare per la prima volta numero uno al mondo.

Il successo agli Us Open ha fatto esplodere di gioia tutta la Spagna: il 19enne ha sfruttato l'occasione di battere tutta la concorrenza e alzare un trofeo importantissimo a Flushing Meadows, che lo ha fatto entrare un'altra volta nella storia.

Tantissimi record battuti, il più giovane a conquistare il primato in graduatoria... insomma, gli aggettivi per descrivere l'annata del talento allenato da Juan Carlos Ferrero stanno per terminare definitivamente. Il giocatore, com'era comprensibile, si è offerto ai diversi media internazionali per raccontare i momenti vissuti in campo (soprattutto la domenica della finale, vinta contro il norvegese Casper Ruud) e sta recuperando energie preziose, dopo due settimane molto impegnative trascorse sul cemento newyorkese.

Lo spagnolo è riuscito a vincere più di una lunghissima battaglia per arrivare all'atto conclusivo del torneo, fra cui quella interminabile con Jannik Sinner e quella in semifinale con l'idolo di casa Frances Tiafoe.

Nonostante avversari di tutto rispetto, Alcaraz ha fatto la voce grossa e non ha mancato l'opportunità di aggiungere il primo Slam nella sua personale bacheca.

Coppa Davis a rischio, la situazione

La Spagna debutterà mercoledì 14 settembre in Coppa Davis, la manifestazione a squadre giunta alla fase a gironi in questa edizione 2022.

A Valencia, secondo Marca, il capitano delle furie rosse Sergi Bruguera sembrerebbe aver preso una decisione definitiva sul tema: Carlos Alcaraz non parteciperà alla prima sfida con la Serbia e dovrebbe cominciare a giocare con la maglia della sua nazione da venerdì.

Una scelta conservativa per permettere al talento 19enne di rifiatare qualche altro giorno dopo l'esperienza negli Stati Uniti d'America. Roberto Bautista Agut e Albert Ramos Vinolas sono pronti a scendere in campo per i due singolari previsti contro la formazione che non potrà avere a disposizione il campione Novak Djokovic.