"Non ci credo ancora": Carlos Alcaraz incredulo e stupito a Montreal



by   |  LETTURE 78364

"Non ci credo ancora": Carlos Alcaraz incredulo e stupito a Montreal

Un Carlos Alcaraz quasi diverso rispetto alle recenti e ultime conferenze stampa si è presentato al Media Day del Master 1000 di Montreal. Lo spagnolo si è aperto davanti ai giornalisti e ha spiegato come i risultati già raggiunti alla sola età di 19 anni hanno superato tutte le sue rosee aspettative.

Un aspetto non di poco conto e mai raccontato prima dall'iberico, chiamato a domare la pressione di essere la testa di serie numero 2 del tabellone principale in Canada. Il quarto della classifica mondiale vanta nella stagione 2022 due vittorie di questa categoria di tornei, precisamente Miami e Madrid, e una semifinale a Indian Wells.

Numeri sorprendenti per il talento di coach Juan Carlos Ferrero, che vuole naturalmente dare continuità e fare lo stesso fra la città canadese e Cincinnati, previsto per settimana prossima.

Le sue parole

Alcaraz ha dichiarato in merito ai recenti traguardi: "Sono cresciuto molto velocemente.

Raggiungere un Master 1000 come seconda testa di serie è qualcosa di incredibile, che non mi aspettavo di certo all'inizio dell'anno. Sinceramente non ci credo nemmeno adesso. È qualcosa che desideravo dall'inizio della stagione, essere al top e ovviamente essere uno dei favoriti per vincere i tornei più importanti" ha dichiarato prima del suo atteso debutto in campo.

Lo spagnolo giocherà su tre superfici diverse in poco tempo, dato il suo passaggio da Wimbledon (erba) alle competizioni su terra rossa in Europa (Amburgo e Umago), prima di volare nell'America settentrionale per la parte di annata su cemento: "Ho cambiato molto negli ultimi tempi.

Faccio un lavoro specifico per trovare le sensazioni giuste in ognuna di esse" ha sottolineato il giovane tennista. Una frase per concludere il suo intervento: "Sono Carlitos Alcaraz e sarò sempre lo stesso" ha concluso con queste semplici parole.

Il nativo di Murcia attende ora il vincitore della sfida fra Tommy Paul e Vasek Pospisil, due avversari che al debutto non andranno assolutamente sottovalutati. Intanto, domenica il giocatore si è concesso una sessione di allenamento proprio con Jannik Sinner, che potrebbe nuovamente incrociare in semifinale. Photo credit: Croatia Open Umag.