Carlos Alcaraz verso un nuovo record: solo Rafael Nadal ha fatto meglio



by   |  LETTURE 11443

Carlos Alcaraz verso un nuovo record: solo Rafael Nadal ha fatto meglio

Carlos Alcaraz è pronto a tornare sulla terra rossa, dopo la breve parentesi sull’erba. Il tennista spagnolo doveva lasciare la prima parte della terra battuta e presentarsi ad uno dei tornei preparatori sulla terza superficie della stagione, il Queen’s.

Per un problema al gomito, però, il numero due spagnolo ha dovuto rinunciare e ha scelto di andare direttamente a Wimbledon: nel terzo titolo del Grande Slam, il giovane spagnolo non si era spinto oltre il secondo turno, sconfitto da Daniil Medvedev.

In questa stagione, invece, ha tagliato il traguardo del quarto turno, ma questa volta è uscito sconfitto da un’altra giovane realtà del circuito, Jannik Sinner. Finita la breve stagione su erba, prima di approdare sul cemento statunitense, Carlos Alcaraz farà tappa ancora una volta su terra rossa, in particolare quella di Amburgo.

Lo spagnolo guida il tabellone come prima testa di serie: è lui il grande candidato alla vittoria finale del torneo. Tale trionfo, però, ha un doppio significato: non solo l’ennesimo trofeo in bacheca, ma anche un altro grande step nel ranking.

Alcaraz nella Top 4?

Qualora ottenesse la vittoria del torneo tedesco, Carlos Alcaraz scalerebbe il ranking ATP e diventerebbe il nuovo numero quattro del mondo, scavalcando Stefanos Tsitsipas e Casper Ruud. Lo spagnolo, dunque, otterrebbe una nuova posizione, nonché il suo best ranking della carriera.

Il giovane vincitore del Masters 1000 raggiungerebbe questo traguardo a 19 anni e 2 mesi: sarebbe il più giovane tennista ad ottenere tale traguardo dopo Rafael Nadal nel 2005. Per tagliare questo traguardo, però, Carlos Alcaraz ha una serie di ostacoli da superare: in primis, superare il primo turno dell’ATP 500 di Amburgo contro la wildcard del torneo, il tedesco Nicola Kuhn.

Nella parte del tabellone del giocatore da top 5 c’è anche Fabio Fognini, che dovrà superare il primo turno contro Bedene e il secondo contro il vincente tra Khachanov e Struff per arrivare ad affrontare di nuovo Alcaraz, dopo l’ultimo scontro avvenuto a Rio de Janeiro; in quel confronto, ad avere la meglio è stato il più giovane dei due in due set.