Il post di Fabio Fognini: "L'obiettivo era vicino. Non meritavo questo finale"

Il ligure ha dovuto alzare bandiera bianca a poche ore dal match

by Antonio Frappola
SHARE
Il post di Fabio Fognini: "L'obiettivo era vicino. Non meritavo questo finale"
© Clive Brunskill/Getty Images

I problemi fisici accusati durante il match d'esordio contro Tom Gentzsch, alla fine, hanno presentato il conto a Fabio Fognini al torneo Challenger di Maia. Il ligure si è ritirato a poche ore dalla partita con Matteo Martineau e detto addio alla possibilità di conquistare nuovamente la top 100 già quest'anno.

Considerando il livello espresso la scorsa settimana a Valencia, però, il discorso è solo rinviato. Fognini si è aggiudicato la Copa Faulcombridge battendo in una incredibile finale Roberto Bautista Agut; finale in cui ha cancellato due match point.

L'obiettivo di partecipare agli Australian Open senza passare per le qualificazioni si è complicato: molto dipenderà dai risultati che conseguiranno Michael Mmoh al Challenger di Yokkaichi e Pedro Martinez al Challenger di Maspalomas.

Sia l'americano che lo spagnolo hanno guadagnato l'accesso ai quarti di finale dei tornei in cui sono impegnati.

Il post di Fabio Fognini: "Non è la fine che meritavo"

"Raga... che sfortuna! Non era di certo la fine che desideravo e meritavo!

L'obiettivo era molto vicino e per come stavo giocando mi sentivo in grado di raggiungerlo! Ma si sa, lo sport e' così...a volte dá, a volte toglie... E NONOSTANTE TUTTO E TUTTI io sono ORGOGLIOSO di come ho dimostrato a me stesso di aver superato momenti duri con lotta, sacrificio e amore per questo sport!

" , ha scritto Fognini sul proprio account Instagram. "Son dovuto scendere a compromessi con me stesso, e alla mia età e dopo la carriera che ho avuto, non è stato semplice… NESSUNO mi potrà togliere ciò che ho fatto con LEALTÀ, Trasparenza, Sacrificio ma soprattutto ONESTA, che nel mio vocabolario valgono molto di più di una semplice partita di tennis, vinta o persa che sia!!!!

Ad maiora. Vi voglio bene” .

Fabio Fognini
SHARE