Insulti e minacce di morte dopo il match tra Jodie Burrage e Lucia Bronzetti

La giovane tennista britannica ha pubblicato sul proprio account Instagram alcuni dei messaggi ricevuti

by Antonio Frappola
SHARE
Insulti e minacce di morte dopo il match tra Jodie Burrage e Lucia Bronzetti

Il tennis è uno degli sport che presenta il maggior numero di partite e tornei durante l’arco dell’intera stagione. Non è quindi un caso che gli scommettitori decidano di investire tempo e denaro puntando sul tennis ed effettuando le proprie giocate anche quando il circuito maggiore resta fermo.

Quando si giocano eventi organizzati dall’ITF e dal Challenger Tour, non è difficile scovare all’interno di un impianto tennistico soggetti che passano le loro giornate con il cellulare in mano a scommettere sul match che stanno seguendo a bordo campo.

Dall’esito della partita e, quindi, della scommessa, dipendono purtroppo i numerosi messaggi social che gli utenti inviano agli atleti. Cresce sempre di più il numero di tennisti che, dopo una sconfitta o una brutta prestazione, sono costretti a subire insulti e minacce sui propri account.

Insulti e minacce a Jodie Burrage dopo la partita con Bronzetti

La giovane star del tennis britannico Jodie Burrage ha deciso di “denunciare” questa brutta pratica utilizzando proprio i suoi profili privati.

L’attuale numero 133 del mondo è stata sconfitta da Lucia Bronzetti all’Open BLS de Limoges con il punteggio di 6-4, 6-4. Dopo aver perso il primo set, la britannica si è ritrovata avanti 4-2 nel secondo, ma non è riuscita a gestire il vantaggio e a portare a casa altri game.

Al termine dell’incontro, la Burrage ha pubblicato uno screen con alcune delle offese gratuite ricevute a causa della sconfitta. “Sei morta. Devi morire” . “Sei una dilettante, non riesci a battere Bronzetti.

Eri avanti 3-1 e 4-2 nel secondo set e hai perso 4-6. Il tennis non è il tuo sport, torna a casa a cucinare” . “Idiota e pagliaccio” . Sono solo alcuni dei commenti visibili su Instagram. Un episodio simile è accaduto nelle ultime settimane a Benjamin Bonzi.

“Non capisco come la stupidità umana possa arrivare così lontano. Ricevo dieci, venti, trenta, fino a cinquanta messaggi dopo una partita” , ha confessato il francese in un’intervista rilasciata a La Provence.

"Succede anche quando vinco, perché magari ho fatto perdere la scommessa a una persona. È iniziato tutto durante un Futures, avevo conquistato i primi punti ATP. Avevo 17, 18 anni" . Photo Credit: Getty Images

Lucia Bronzetti
SHARE