Tragico incidente a Rimini, muore una giovanissima promessa del tennis



by   |  LETTURE 9320

Tragico incidente a Rimini, muore una giovanissima promessa del tennis

Un incidente che ha spezzato la vita e i sogni di una giovane promessa del tennis internazionale. Il sammarinese Simone De Luigi, diventato maggiorenne lo scorso 3 agosto, ha avuto la peggio nel tragico scontro avvenuto nella notte di domenica 21 agosto sulla SS16 in territorio di Rimini.

Secondo le prime ricostruzioni, riportate anche da Rimini Today, il ragazzo era in sella a un Benelli 125 e trasportava un'amica di 16 anni: in un tratto dell'Adriatica in cui le corsie per senso di marcia passano da due a una, avrebbe tentato un'invenzione a U, venendo però travolto da una vettura che procedeva in direzione Ravenna.

Sul posto diversi mezzi del 118, intervenuti per aiutare i due ragazzi che sull'asfalto erano in condizioni drammatiche. Il 18enne è stato trasportato con l'elicottero all'ospedale "Bufalini" di Cesena per un trauma cranico estremamente serio.

Nonostante il grande lavoro e gli sforzi dei medici, De Luigi si è spento nella mattinata di lunedì nel reparto di rianimazione. La 16enne ha subìto invece l'amputazione del piede ed è ricoverata nello stesso nosocomio con prognosi riservata.

La storia di Simone

La notizia ha immediatamente suscitato tantissima delusione e molti cordogli all'indirizzo dei familiari della vittima. Simone aveva partecipato già due volte alla Coppa Davis con San Marino, fra cui circa un mese fa a Baku, in Azerbaijan.

"Siamo increduli. Era una giovane promessa del tennis biancazzurro, 18 anni compiuti meno di tre settimane fa. Un ragazzo solare ed educato, capace di entrare nel cuore delle persone. Un allievo e un amico che mancherà tremendamente a tutti" è il ricordo della Federazione Sammarinese Tennis.

"Il destino della vita spesso è ingiusto e crudele e un ragazzo come te non dovrebbe mai lasciarci così in questo modo. Avevi trovato nel tennis una passione che portavi avanti con dedizione e spirito di sacrificio, riuscendo a toglierti le prime soddisfazioni bruciando le tappe dei tuoi obiettivi.

Il futuro del tennis sammarinese sarebbe stato sicuramente tuo, ne sono certo, ma per quel beffardo destino tutto questo da oggi non potrà essere possibile" sono le toccanti parole del presidente della Federtennis di San Marino Christian Forcellini.