"Mi sono reinventato": il 'nuovo' Kyrgios raggiante dopo il successo a Washington



by   |  LETTURE 6972

"Mi sono reinventato": il 'nuovo' Kyrgios raggiante dopo il successo a Washington

Un Nick Kyrgios versione 'piglia-tutto' finalmente consapevole dei propri mezzi, del proprio talento e delle proprie potenzialità. Dopo la finale ai Championships, il talento australiano vince a Washington a distanza di tre anni e proprio a distanza di tre anni ritorna ad aggiungere una perla alla collana dei successi in singolare.

Nel bottino settimanale di Kyrgios anche il successo in doppio con il compagno e amico Jack Sock, coronamento di una settimana praticamente perfetta. "Sono orgoglioso di me stesso e della mia squadra. Questa è stata una settimana incredibile: sono riuscito a vincere partite molto combattute e la fiducia che ho acquisito a Wimbledon mi ha consentito di gestire al meglio i momenti più delicati.

La sensazione è che io stia raccogliendo i frutti seminati negli ultimi mesi. Mi sto allenando duramente, ho passato gli ultimi sette o otto mesi con la volontà di fare tutto al meglio. Mi sono reinventato, sto facendo la storia e ne sono orgoglioso.

Se Wimbledon avesse assegnato punti sarei intorno alla decima posizione" ha spiegato in maniera straordinariamente lucida in conferenza stampa, evidenziando anche il nuovo metodo di approccio al tennis. Tra i fattori della rinascita, la maturità e soprattutto la nuova capacità di dare il 100% in allenamento.

"Credo che l'età mi abbia aiutato a maturare, a conoscere meglio quello che voglio, a conoscere nel dettaglio sia il mio corpo che la mia mente. Ho imparato anche a non dare importanza alle critiche e a dimostrare a me stesso che voglio davvero essere un grande tennista.

Faccio le cose a mio modo perché so che il mio stile di gioco e la mia personalità posso ispirare milioni di persone in tutto il mondo. La relazione Costen Hatzi mi ha anche aiutato molto, ad essere organizzato e ad avere una motivazione in più sul circuito.

Ogni allenamento è stato positivo, sono stato professionale e sono riuscito a coniugare il tempo libero con il tennis" ha concluso. A Montreal, a Cincinnati e soprattutto a New York, Kyrgios non sarà solamente un underdog.

Nel trittico statunitense farà infatti parte del pacchetto dei favoritissimi, data anche la quasi-certa assenza di Novak Djokovic e l'ancora incerta presenza di Rafa Nadal, costretto proprio a dare forfait dal '1000' canadese a causa dei problemi fisici. Photo Credit: Getty Images