Adriano Panatta fa gli auguri a Paolo Bertolucci con un messaggio particolare



by   |  LETTURE 9825

Adriano Panatta fa gli auguri a Paolo Bertolucci con un messaggio particolare

I due inseparabili ex tennisti italiani, che hanno regalato tantissime gioie ai tifosi italiani 'solo' qualche tempo fa. Atleti che hanno fatto la storia della nostra nazione, persone che sono rimaste un'icona per questo sport a livello anche internazionale.

L'amicizia fra Adriano Panatta e Paolo Bertolucci è davvero invidiabile e quasi unica per come è coltivata dai due a distanza di tanti anni. Il pubblico è sempre informato dei loro nuovi sfottò attraverso i profili Twitter, assolutamente presi d'assalto appena l'uno tagga l'altra in un qualsiasi post.

Nelle ultime settimane sono stati diversi gli argomenti per cui entrambi hanno deciso di stuzzicarsi a vicenda, strappando più di qualche risata a chiunque abbia letto i messaggi e le risposte. Questa volta, i due sono tornati a essere protagonisti sui social per una ricorrenza molto importante: il compleanno di Paolo Bertolucci, precisamente nei giorni scorsi il 3 agosto.

Il toscano è stato ricordato e celebrato, così come la sua bella carriera: i 6 titoli Atp complessivi, gli stessi attuali del talentuoso 20enne Jannik Sinner, che lo ha raggiunto col trionfo a Umago (in Croazia).

E poteva il suo grande compagno Adriano Panatta sorvolare e dimenticarsi di questo grande evento? Certamente no.

Lo scambio social

Il commento su Twitter di Panatta è stato immediato per rendere merito a Bertolucci.

Il suo messaggio è speciale e molto particolare: "71 anni fa, a Forte dei Marmi, nasceva Paolo Bertolucci. Un giocatore di grandissimo talento (insomma...) e con un rovescio rimasto nella storia del tennis (adesso non esageriamo...).

Grande doppista (più o meno) e vincitore della Coppa Davis (ma ndannavi senza di me?) Auguri amico mio" è quanto scritto con un cuore a concludere. La risposta non si è fatta assolutamente attendere: "Incredibile come si sia rovesciato il mondo!

Tutti devono sapere che sono diventato un buon doppista, nonostante avessi di fianco quella pippa di
Adriano Panatta" ha commentato con tanto di faccina che ride. Conversazione chiusa dal 72enne romano: "Che reazione scomposta, hai accusato il colpo eh?" Photo credit: LaPresse.