"È un gesto squallido": Panatta-Bertolucci, continua il botta e risposta sui social

Prosegue lo scambio social tra i due ex tennisti: dopo il compleanno di Panatta, arriva quello di Bertolucci

by Martina Sessa
SHARE
"È un gesto squallido": Panatta-Bertolucci, continua il botta e risposta sui social

Prima una coppia da favola sui campi da tennis, poi una coppia divertente sui social. Adriano Panatta e Paolo Bertolucci sono due dei tennisti che hanno fatto la storia di questo sport, sia in singolare sia in doppio. Il primo è stato il numero uno d’Italia per molto tempo e ha conquistato trofei importanti, come gli Internazionali di Roma e, soprattutto, il Roland Garros.

Il secondo ha vinto meno come singolarista, ma proprio con Panatta ha vinto tornei di doppio che fanno storia. Tra questi, spicca la vittoria a Montecarlo contro i due statunitensi, Vitas Gerulaitis e un giovane John McEnroe, e la storica Coppa Davis.

Con la fine delle lore carriere, i due tennisti si sono reinventati e sono entrambi approdati prima in televisione, poi sui social. Proprio su Twitter, i due campioni del tennis italiano hanno deciso di dare vita ad un vero e proprio show.

È tutto iniziato con il compleanno di Adriano Panatta, con Paolo Bertolucci che ha deciso di prendere il giro l’amico e il compagno: “Nonne di tutta Italia, fate gli auguri al vecchietto”. Immediata la risposta del primo, che ha augurato a Bertolucci di avere una colite durante la telecronaca della finale di Wimbledon tra Novak Djokovic e Nick Kyrgios.

Con l’arrivo anche del compleanno dell’attuale commentatore tecnico Sky, il campione dell’Open di Francia ha deciso di ripagare con la stessa moneta.

Lo scambio social

“Volevo ricardare a tutti che il 3 agosto è il compleanno di Paolo Bertolucci.

Vorrei fargli un regalo”, scrive su Twitter Adriano Panatta, che poi fa un elenco di possibili pensieri, da un pacco di pannoloni all’apparecchio per l’udito. Bertolucci non esitae risponde subito a tono: “Il tentativo di riciclare i regali ricevuti per il proprio compleanno è un gesto misero, squallido e sordido”.

La conservazione, però, non finisce qui. Infatti, Adriano Panatta decide di sorprendere ancora: prima i complimenti per la qualità della risposta ("stai migliorando"), poi sceglie di fare in anticipo gli auguri al suo amico (“ma io non sono superstizioso”, specifica), avendo una brutta memoria ed essendo Bertolucci “permaloso come una bertuccia”.

SHARE