Nick Kyrgios accusato di violenza domestica: gli avvocati provano a fare chiarezza



by   |  LETTURE 1852

Nick Kyrgios accusato di violenza domestica: gli avvocati provano a fare chiarezza

È una grande stagione quella di Nick Kyrgios. Il tennista australiano, smarrito sulla strada del successo che gli è stato pronosticato, sembra tornato sulla retta via: dopo la vittoria in doppio agli Australian Open, a Wimbledon ha dato prova di una grande solidità dal punto di vista tennistico e mentale.

Lo show che ha dato vita sul Campo 1 di Wimbledon contro Stefanos Tsitsipas ha portato i suoi frutti e ha fatto conquistare al numero due australiano il quarto turno sull’erba più famosa del circuito. Fuori dai campi di tennis, però, la vita di Nick Kyrgios sembra aver subito una svolta non felice.

Secondo quanto riporta il Canberra Times, il tennista dovrà comparire in tribunale il prossimo 2 agosto in relazione all'accusa di aggressione da parte dell’ex fidanzata, Chiara Passari, avvenuta nel dicembre dello scorso anno.

In quella occasione, la ragazza italiana aveva raccontato dei dettagli sulla difficile relazione che i due avevano: "Non posso dimenticare quando mi ha lasciato per strada da sola alle 4 del mattino a New York, togliendomi cellulare e portafoglio ed intanto andava da una delle sue ex.

Mi disse che era colpa mia e che non dovevo fare la vittima, poi si vantava con gli amici del fatto di essere andato a letto con una spogliarellista, questo solo tre giorni dopo la nostra rottura. Mi chiamò un giorno e mi disse che non dovevo fare cavolate come suicidarmi, dovevo solo stare zitta e lasciarlo perdere"

La risposta dei legali di Kyrgios

Dopo la chiamata in giudizio, è subito arrivata la risposta dei legali di Kyrgios su questa nuova vicenda giudiziaria. "In questo momento, le accuse contro il Sig. Kyrgios non sono considerati fatti dalla Corte, quindi il mio rappresentante non è ritenuto accusato di un reato fino alla prima apparizione”: così si apre il comunicato dei legali rappresentanti di Nick Kyrgios.

“Sebbene il signor Kyrgios si impegni ad affrontare tutte le accuse una volta chiare, prendere sul serio la questione non giustifica alcuna lettura errata del processo che il signor Kyrgios è tenuto a seguire”, è invece la conclusione che garantisce la presenza di Kyrgios nelle fasi del processo.