Bernard Tomic lancia la sfida a Nick Kyrgios: "Combattiamo su un ring"



by   |  LETTURE 4181

Bernard Tomic lancia la sfida a Nick Kyrgios: "Combattiamo su un ring"

La polemica continua. Bernard Tomic e Nick Kyrgios non hanno smesso di riservare per l'altro considerazioni molto pesanti e 'di sfida' attraverso i propri canali social. I due australiani hanno attirato l'attenzione del mondo del tennis nei giorni scorsi per uno scambio durissimo su Instagram, con parole tutt'altro che amichevoli nei confronti del connazionale.

"Chi è il migliore tra noi nel nostro periodo migliore? Beh, sempre io” . Kyrgios non ha gradito il pensiero, rispondendo in modo netto senza giri di parole. “Chi è più forte tra me e Tomic? Io.

Ho più titoli. Inoltre, a differenza sua, ho battuto Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer. Pensa di essere più forte di me? Penso sia un po’ una forzatura. Anche se in generale sappiamo tutti di cosa sia capace Bernard” ha criticato.

La questione si è prolungata nel corso delle ore e i giocatori si sono resi protagonisti di altri 'siparietti interessanti'

Il nuovo confronto

L'attacco è stato nuovamente lanciato da Tomic: "Sono migliore di te e lo sai.

Ti ho sempre battuto. Se vuoi, possiamo combattere anche su un ring" ha dichiarato recentemente. Inevitabile l'ulteriore replica di Nick: "Fratello, in questo momento sono molto impegnato a giocare nell'élite. Sono ancora sul circuito, battendo facilmente molti dei migliori al mondo.

So che sei al livello Future e Challenger, ma gioca e sali nel ranking per ritrovarci in campo. Non ho tempo per lottare con te, sto preparando il mio giro sull'erba, giocando a Wimbledon, e poi ci sono gli Us Open" ha aggiunto e concluso, chiudendo (chissà se per un breve o lungo periodo) lo scambio di battute fra i due.

Sono quattro i tornei disputati quest'anno da Nick Kyrgios, che si è messo senza dubbio in mostra nell'edizione 2022 degli Australian Open, vincendo il doppio insieme a Thanasi Kokkinakis. Buoni risultati sono arrivati anche a Indian Wells (si è arreso al poi vincitore Rafael Nadal), Miami, nel quale è stato sconfitto dall'azzurro Jannik Sinner, e Houston, nel suo grande ritorno su terra rossa.