Boris Becker condannato per bancarotta fraudolenta: rischia 6 anni di carcere



by   |  LETTURE 3608

Boris Becker condannato per bancarotta fraudolenta: rischia 6 anni di carcere

Lunedì 21 marzo, a Londra, è iniziato il processo a carico di Boris Becker. L’ex campione tedesco, già nel 2017, era stato dichiarato in bancarotta dal tribunale di Londra, la Bankruptcy Court, a causa di un pesante debito ( circa 6 milioni di euro, ndr) che il tre volte vincitore di Wimbledon non era più in grado di ripagare.

Il caso riguarda un debito contratto anni fa da Becker nei confronti della banca privata Arbuthnot Latham & Co e altri finanziatori; un debito che non è mai riuscito a pagare. L’obiettivo di Becker era quello di estinguere il debito ipotecando varie proprietà immobiliari, in particolare una a Maiorca.

Il tedesco, però, non ha pagato le rate del piano di rientro dal debito ai finanziatori, che hanno ovviamente deciso di fargli causa.

Boris Becker condannato per bancarotta fraudolenta

Ieri pomeriggio, presso la Southwark Court, è arrivata la sentenza dei giudici.

Becker è stato giudicato colpevole di bancarotta fraudolenta e accusato di aver nascosto al fisco i trofei di Wimbledon e degli Australian Open, oltre a diverse proprietà immobiliari, dalla Southwark Crown Court.

In tutto sono quattro, su 24 totali, le imputazioni legate alla vicenda per il quale è stato condannato. Becker rischia ora una condanna fino a sei anni di carcere. La sconfitta giudiziaria di Becker è stata attenuata solo dalla sospensione della sentenza medesima.

Il tedesco potrà restare in libertà fino all'eventuale ulteriore appello, che potrebbe questa volta costargli caro. Ricordiamo che l'eventuale udienza di condanna è stata fissata per il 29 aprile.

L’ex numero uno del tennis mondiale, che si è sempre dichiarato innocente, aveva affidato la sua reazione alle accuse al proprio account Twitter negli scorsi anni. “Innocente fino a prova contraria! Nego le accuse contro di me e mi difenderò con tutti i mezzi legali" , ha commentato Boris Becker.

"Credo nel sistema legale del Regno Unito e nei suoi agenti. Il mio team di avvocati dimostrerà la mia innocenza" .