Carlos Alcaraz futuro numero uno al mondo? La statistica che lo certifica



by LUCA FERRANTE

Carlos Alcaraz futuro numero uno al mondo? La statistica che lo certifica

Una scalatta partita pochi mesi fa, che non si è mai fermata e non ha avuto così tanti incidenti di percorso. L'incredibile crescita di Carlos Alcaraz è sotto gli occhi di tutti gli appassionati e addetti ai lavori: probabilmente pochi, decisamente non la maggior parte, si sarebbero aspettati lo spagnolo alla sola età di 18 anni già nelle prime 15 posizioni del ranking mondiale Atp.

L'iberico si è reso protagonista di un inizio di stagione 2022: dal terzo turno agli Australian Open, nel quale ha stupito il suo nuovo fisico più muscoloso e visivamente devastante, passando per il trionfo ottenuto a Rio de Janeiro su terra rossa, per arrivare alle due semifinali conquistate a Indian Wells e a Miami.

In quest'ultimo torneo il giocatore resta ancora in tabellone e affronterà nella notte il polacco detentore del titolo Hubert Hurkacz per un posto nell'atto conclusivo. Il classe 2003 ha stupito tutti in questa parte di annata su cemento e queste recenti due settimane ne sono state una prova.

Il nativo di Murcia ha giocato un tennis di altissimo livello e piegato diversi tennisti migliori del momento e al mondo, fra cui il greco testa di serie numero tre Stefanos Tsitsipas e il serbo Miomir Kecmanovic, l'unico a strappargli un set e trascinarlo fino al tie-break del terzo decisivo parziale, vinto però da Alcaraz con grande forza e 'maturità'

Il dato

Con quella pesante vittoria, lo spagnolo è diventato il terzo semifinalista più giovane nella storia del Masters1000 in Florida, dietro soltanto a Felix Auger-Aliassime (nel 2019, con il canadese che aveva esattamente 18 anni, 7 mesi e 19 giorni) e il campione di 21 titoli Slam Rafael Nadal (18 anni, 10 mesi e 27 giorni, spingendosi fino alla finale).

Il traguardo davanti all'iberico è quello di spezzare la striscia di successi di Hurkacz a Miami ed essere il secondo più giovane finalista della storia del torneo.

Un'altra statistica sembra quasi presagire che in un futuro (vicino o lontano) Carlos Alcaraz diventerà numero uno al mondo: gli unici a conquistare la semifinale consecutivamente a Indian Wells e Miami sono stati Rafael Nadal, Novak Djokovic, Andy Murray e Andre Agassi, tutti all'età di 19 anni.

L'atleta ci è riuscito a 18, i quattro prima di lui sono poi saliti sul trono della classifica.

Carlos Alcaraz