Il CIO bandisce gli atleti russi e bielorussi: Medvedev & Co. nei guai?



by   |  LETTURE 6917

Il CIO bandisce gli atleti russi e bielorussi: Medvedev & Co. nei guai?

Il mondo dello sport è capace di trasmettere messaggi importanti e ha deciso di schierarsi apertamente contro la guerra in Ucraina. Le conseguenze dell’invasione intrapresa dalla Russia in Ucraina potrebbero diventare sempre più pesanti per gli atleti russi in giro per il mondo.

La finale di Champions League non si disputerà più a San Pietroburgo ma a Parigi; il gran premio di Formula 1 e la Coppa del mondo di sci sono stati annullati; il Comitato Olimpico Internazionale ha ritirato l'Ordine Olimpico al presidente della Federazione Russa Vladimir Putin.

“Il CIO EB, sulla base delle circostanze eccezionali della situazione e considerando la gravissima violazione della Tregua Olimpica e altre violazioni della Carta Olimpica da parte del governo russo in passato, ha preso la decisione ad hoc di ritirare l'Ordine Olimpico a tutte le persone che attualmente svolgono una funzione importante nel governo della Federazione Russa o in altre posizioni di alto rango legate al governo.

Tra cui le seguenti: Mr Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa (Gold, 2001) Mr Dmitry Chernyshenko, Vice Primo Ministro della Federazione Russa (Oro, 2014) Mr Dmitry Kozak, vice capo del personale dell'ufficio esecutivo presidenziale (Gold, 2014) Il CIO ha però deciso di punire non solo Putin e di utilizzare il pugno duro” .

Medvedev e gli altri tennisti russi nei guai? Il duro comunicato del CIO

Il CIO vorrebbe estendere la severa punizione anche agli atleti russi che competono nel mondo dello sport. Per quanto riguarda il tennis, nello specifico, a rischiare una pausa forzata sono Daniil Medvedev, Andrey Rublev, Aslan Karstev, Karen Khachanov e tutti gli altri giocatori russi e bielorussi.

L’Esecutivo del Comitato Olimpico Internazionale ha infatti raccomandato di bandire gli atleti russi e bielorussi da tutti gli eventi sportivi internazionali o di costringerli a gareggiare come atleti neutrali. “Le Federazioni Sportive Internazionali e gli organizzatori di eventi sportivi non invitino o consentano la partecipazione di atleti e funzionari russi e bielorussi alle competizioni internazionali” , si legge nel comunicato. Vedremo la posizione che prenderà l'ATP dopo il comunicato pubblicato dal CIO.