Matteo Berrettini nella storia: nuovo record per il tennista italiano



by   |  LETTURE 20817

Matteo Berrettini nella storia: nuovo record per il tennista italiano

Dopo la battaglia vinta contro Carlos Alcaraz al super tie-break del quinto set, Matteo Berrettini ha tirato l’ennesimo gancio destro a tutti quelli che fanno ancora fatica a considerarlo uno dei migliori tennisti del Tour.

Il romano ha reagito bene fisicamente e ha sconfitto con il risultato di 7-5, 7-6( 4), 6-4 Pablo Carreno Busta. “Lo scorso anno è stato difficile, volevo giocare il mio match di quarto turno, ma non potevo con uno strappo addominale.

Questo mi ha forse aiutato, perché non vedevo l’ora di tornare e crearmi un’altra opportunità” , ha dichiarato Berrettini nell’intervista post-partita. “Sono stato preciso al servizio.

Lui non riusciva a leggerlo e ho colpito molti ace. La preparazione è stata breve ma intesa e sta dando i suoi risultati. Spero di essere pronto per i quarti di finale" . Berrettini affronterà ai quarti di finale Gael Monfils, che sta esprimendo un tennis di altissimo livello.

"Monfils? Ricordo i quarti di finale disputati agli US Open con il sorriso. Ci conosciamo abbastanza bene. Vedremo cosa succederà nel corso della prossima partita” .

Berrettini è il primo italiano a raggiungere i quarti in tutti gli Slam

La vittoria ai danni di Carreno Busta è una di quelle vittorie dal sapore speciale, perché permette all’attuale numero sette del mondo di scrivere un’altra indelebile pagina nella storia del tennis tricolore.

Berrettini è infatti diventato il primo giocatore italiano, il quarto a riuscirci agli Australian Open, a raggiungere i quarti di finale in tutti e quattro i tornei del Grande Slam; il 48esimo nell’Era Open. Se consideriamo solo i giocatori in attività, Berrettini fa parte del ristretto club formato da Roger Federer, Novak Djokovic, Rafael Nadal, Marin Cilic, Juan Martin del Potro, Andy Murray, Kei Nishikori, Jo-Wilfried Tsonga e Stan Wawrinka.

Grazie al successo odierno, Berrettini si è spinto fino ai quarti di finale in un Major per la quinta volta in carriera e superato definitivamente Giorgio De Stefani al terzo posto della classifica all-time italiana.