Herbert si difende e rivela: "Non vorrei essere nei panni di Novak Djokovic"



by   |  LETTURE 3731

Herbert si difende e rivela: "Non vorrei essere nei panni di Novak Djokovic"

Nel mondo del tennis si sta discutendo molto dei tennisti che non hanno effettuato la vaccinazione per il Covid. Ovviamente il nome più discusso è quello del numero uno al Mondo Novak Djokovic, ancora in attesa di sapere ufficialmente se sarà presente agli Australian Open, ma nel circuito ci sono anche altri tennisti ed uno di questi è l'esperto atleta francese Pierre Hugues Herbert.

Nel corso di una recente intervista Herbert ha dichiarato di non sentirsi affatto in colpa per non aver assunto il vaccino per il Covid-19. L'ex numero due al mondo nel doppio è stato tra i primi tennisti a dare forfait a causa dell'obbligo di vaccinazione.

Era la fine del 2021 e nel Masters 1000 di Parigi Herbert ha lasciato intendere che avrebbe potuto saltare gli Australian Open. Dopo aver rinunciato al torneo australiano Herbert ha deciso di iniziare la stagione dal Challenger di Forlì ma sfortunatamente è risultato positivo al Coronavirus.

Nel corso di una recente intervista ai microfoni di France Info Herbert ha dichiarato che non gli piace l'etichetta di No Vax ed in generale se una persona non è vaccinata questo non significa che sia automaticamente No-Vax.

Herbert non si sente il colpa

Il tennista francese ha chiarito la sua situazione ed ha rivelato: "Purtroppo non potrò recarmi a Forlì in Italia la prossima settimana, perché sono risultato positivo al Covid.

È successo a metà settimana, ma sto bene, ho solo sintomi lievi. Sono a casa con mia moglie e mio figlio. Spero di tornare presto a gareggiare in campo. L'esenzione concessa a Novak Djokovic? Non sono ne scioccato e ne offeso da tutto ciò.

Non penso sia l'unico ad avere un esenzione medica ed in generale non vorrei essere al suo posto perché non credo che sarà accolto da numero uno al mondo. Avranno avuto validi motivi per accettare la sua esenzione, conosco il rigore che c'è in Australia e sapevo che io non avevo possibilità di giocare"