Shuai Peng ritratta le accuse di violenza sessuale: "È stato un malinteso"



by   |  LETTURE 4149

Shuai Peng ritratta le accuse di violenza sessuale: "È stato un malinteso"

Negli ultimi mesi il mondo del tennis ed in generale dello sport è stato scosso dal caso della tennista cinese Shuai Peng. La donna, abile soprattutto nel doppio, ha accusato di molestie sessuali l'ex vice Primo ministro cinese Zhang Gaoli.

Da quel giorno, l'ormai lontano 2 Novembre, sono succese tante cose e sono arrivate tante accuse anche ai piani alti del Governo cinese. Il post social è stato subito cancellato e per alcune settimane nessuno ha sentito più parlare della tennista, riapparsa solo dopo diverse richieste dall'Europa e dal circuito WTA.

Nelle ultime ore è arrivato un nuovo incredibile messaggio da parte della tennista, parole che lasciano basiti ed allo stesso tempo.

Il messaggio della Peng che smentisce tutto

Dopo altre settimane di polemiche la Shuai Peng è tornata sulla vicenda delle accuse ed a sorpresa ha smentito tutto.

Ecco le sue dichiarazioni: "Volevo che fosse molto chiaro a tutti, non ho mai denunciato o scritto qualcosa di qualcuno che mi ha aggredito sessualmente. Sto parlando ora e non voglio farlo mai più. Sono cose della mia vita privata, ci sono state incomprensioni e non ci dovrebbe essere alcuna interpretazione distorta della realtà"

Questo post è totalmente opposto rispetto a ciò che diceva lo scorso 2 Dicembre ma la Peng è stata chiara ed ha inoltre dichiarato di aver scritto in queste settimane al CEO della WTA Steve Simon per rassicurarlo sulle sue condizioni: "La versione cinese è stata scritta da me, quella inglese da un traduttore ma diceva le stesse cose.

Persone che mi minacciavano di dire ciò? Assolutamente no, ero solo a casa a riposarmi, vi ringrazio nuovamente per esservi preoccupati per me" In questi mesi diversi campioni del tennis e del mondo dello sport si sono esposti su questa vicenda, in particolare tra gli altri anche Novak Djokovic, Serena Williams e Naomi Osaka sono stati tra coloro ad utilizzare l'hashtag #WhereIsPengShuai, molto utilizzato in questi mesi, soprattutto nel periodo dove l'atleta era irrintracciabile da tutti.