Carlos Alcaraz supera il Covid ma rinuncia a un torneo del 2022



by   |  LETTURE 6833

Carlos Alcaraz supera il Covid ma rinuncia a un torneo del 2022

L’inconveniente non gli ha permesso di debuttare in Coppa Davis e indossare per la prima volta nella sua carriera la maglia della nazionale spagnola, rinviando soltanto l’appuntamento. Dopo circa una settimana dall’annuncio, Carlos Alcaraz si è negativizzato dal Covid-19, superando così il periodo di isolamento fiduciario dovuto alla positività al test.

Giovedì 25 novembre l’annuncio sui propri canali social di aver contratto il virus, esprimendo tutta la delusione alla notizia, mentre il 2 dicembre la conferma di poter finalmente uscire dalla quarantena. Il tennista spagnolo ha avuto comunque la fortuna di non avere complicazioni dalla malattia e di sconfiggerla in un periodo abbastanza breve.

Ora avrà la possibilità di ricalcare i campi da gioco per prepararsi alla nuova stagione: bisognerà comprendere se il talentuoso 18enne risentirà in qualche modo fisicamente della positività oppure non avrà importanti conseguenze.

Il suo commento per informare i suoi fan: “Ciao a tutti. Oggi porto buone notizie, sono risultato negativo ai due tamponi che ho effettuato nelle ultime 48 ore. Questo significa che posso uscire e rivedere famiglia e amici.

Ovviamente potrò tornare ad allenarmi per il 2022. Grazie mille a tutti per i messaggi di incoraggiamento”.

Il forfait di Alcaraz

Il numero 32 del ranking mondiale Atp ha comunque ufficializzato una rinuncia a una competizione, posticipando seppur di poco il suo ritorno in un torneo agonistico.

La Spagna infatti non potrà contare sia su Rafa Nadal che su Carlos Alcaraz per l’Atp Cup, in programma nel mese di gennaio, che anticiperà di fatto gli Australian Open (primo Grande Slam dell’annata).

L’iberico è stato uno dei protagonisti del 2021, riuscendo a imporsi anche contro i migliori tennisti in circolazione. Appena maggiorenne, l’obiettivo è quello di replicare il cammino che sta percorrendo in questo momento Jannik Sinner, magari migliorandolo ulteriormente: finora, tra le due promesse, i due precedenti sono entrambi di marca spagnola.

L'atleta allenato da Juan Carlos Ferrero sarà sicuramente tra i giocatori più attesi della prossima annata: ad aspettarlo tifosi e appassionati.