Flavia Pennetta tra le candidate a entrare nella Hall of Fame



by   |  LETTURE 1701

Flavia Pennetta tra le candidate a entrare nella Hall of Fame

Tutta l’Italia attorno a Flavia Pennetta. Il motivo? La ragazza brindisina è tra le possibili candidate a entrare nella Hall of Fame del tennis per l’anno 2022. Una nomination che è già una sensazione di orgoglio per l’azzurra, che ha scritto alcune pagine di storia nel circuito Wta: la più recente e più bella probabilmente è quell’indimenticabile finale agli Us Open 2015 vinta proprio a discapito della connazionale Roberta Vinci, sicuramente in uno dei momenti più alti del tennis femminile italiano.

Finora, nessuna giocatrice del territorio ha mai ottenuto questo prestigioso riconoscimento, al contrario della categoria maschile che vanta Nicola Pietrangeli (1986) e Gianni Clerici (2006), gli unici ad aver raggiunto questo bellissimo traguardo.

Annunciati, ovviamente, gli altri nomi: Ana Ivanovic, Cara Black, Lisa Raymond, Carlos Moya e Juan Carlos Ferrero.

I tifosi italiani possono contribuire

Chiunque potrà ‘aiutare’ la scalata della pugliese.

Infatti, si potrà votare per lei a partire da venerdì 15 ottobre on line, sul sito vote.tennisfame.com. L'induzione avverrà combinando il risultato delle preferenze dei tifosi con quello dell'Official Voting Group, di cui fanno parte giornalisti, storici e membri già inseriti nella Hall of Fame che voteranno nei prossimi mesi.

Pennetta, sposata nel 2016 con Fabio Fognini, ha commentato la notizia alla Federtennis: “È un grande onore essere candidata a entrare nella Hall of Fame. Adoravo competere e vedere la mia carriera riconosciuta in questo modo tra i più grandi di tutti i tempi in questo sport.

È incredibile. Sono fiera di essere la prima donna italiana a ricevere questa nomination e grata di tutto il supporto che ho ricevuto dall'Italia durante il mio periodo di attività” ha dichiarato. La brindisina ha deciso di abbandonare la disciplina all’età di 33 anni, proprio dopo il trionfo a New York e il best ranking raggiunto al sesto posto nel ranking Wta.

In carriera ha disputato ben 59 finali tra singolo e doppio, nel quale si è tolta diverse soddisfazioni (anche in Fed Cup) e vinto ben 28 titoli nel complesso.