Seyboth Wild si difende dalle accuse di violenza: "È tutto falso"



by   |  LETTURE 3242

Seyboth Wild si difende dalle accuse di violenza: "È tutto falso"

È trascorso ormai un anno dalle accuse che Olga Sharypova ha rivolto ad Alexander Zverev dopo la fine della loro relazione sentimentale. L’ex fidanzata del tedesco ha parlato chiaramente di violenza domestica, sia fisica che psicologica.

Secondo le affermazioni della Sharypova, il tutto sarebbe degenerato nel corso degli US Open 2019. "Sono stata picchiata e non starò in silenzio. La prima volta è stata all’inizio della nostra relazione, abbiamo avuto un litigio e lui mi ha picchiato la testa contro il muro così forte che sono caduta a terra.

Cosa è accaduto poi? Sono stata accusata di aver alzato il braccio contro di lui. Perché l’ho perdonato? Non so rispondere a questa domanda. L’ho amato, veramente, e volevo una relazione con lui. Pensavo fosse stato un errore e che potevamo lavorarci sopra per lasciarlo nel passato, ma l’unica cosa che dovevo lasciare nel passato era questa relazione" .Nonostante Zverev abbia sempre ribadito la sua estraneità ai fatti, il caso continua ancora oggi a scuotere l’opinione pubblica e a destare preoccupazioni all’interno del circuito.

Seyboth Wild risponde alle accuse dell'ex moglie

Proprio nelle ultime ore, infatti, un nuovo giocatore ha dovuto difendersi dalle pesanti affermazioni rilasciate dall’ex moglie. Si tratta del brasiliano Thiago Seyboth Wild, che è stato accusato da Thayane Lima di violenza fisica e psicologica.

“Senza che me ne rendessi conti mi ha fatto cambiare stile di vita. Non potevo avere alcuna scollatura, non potevo nemmeno andare al mare. Voleva cambiarmi completamente. Voleva cambiare anche le mie idee politiche e il mio accento” , ha dichiarato Lima a Universo Online.

Seyboth Wild ha affidato la sua risposta a una recenta intervista. “Anche se siamo tutti lontani dall’essere perfetti, sono felice di annunciare che le affermazioni rilasciate dalla mia ex moglie sono totalmente false, costruite e vendicative.

Non riflettono in alcun modo il mio carattere, i miei valori e il mio modo d’agire” . Il brasiliano è ora indagato dalla polizia di Rio de Janeiro, che ha deciso di approfondire il caso subito dopo le dichiarazioni di Thayane Lima.