Leo Borg, figlio del campione svedese, si allena a Marbella con un ex top 20



by   |  LETTURE 2051

Leo Borg, figlio del campione svedese, si allena a Marbella con un ex top 20

Il figlio della leggenda svedese Bjorn Borg, Leo Borg si è allenato presso i campi da tennis di Marbella dove prenderà il via l'ATP 250 di Marbella, l'Andalucia Open. Il tennista classe 2003 ha fatto alcune sessioni di allenamento con l'ex numero dodici del mondo Feliciano López prima del suo esordio nelle qualificazioni del torneo.

Esordio che non è andato per niente bene per il giovane svedese. Il sorteggio ha voluto che lo sfidante nel primo turno di qualificazione fosse il più esperto Evgeny Donskoy. La differenza di livello fra i due è stata evidente ed il punteggio lo testimonia.

La partita infatti si è conclusa in poco meno di un'ora di gioco con il punteggio di 6-1 6-0 a favore del tennista russo, attuale numero 128 del mondo. Troppi leggeri ancora i colpi di Leo Borg per impesierire un tennista navigato come Donskoy che vanta anche dei primi turni ai tornei dello Slam.

Il giovane Borg classe 2003, è ancora un tennista acerbo, anche se vanta un'ottima posizione nella classifica juniores, dove attualmente occupa la 15° posizione. A livello pro invece non è riuscito ancora a conquistare alcun punto ATP, quindi essendo senza ranking deve sperare di ottenere delle wild card per esordire in tornei di un certo livello come quello di Marbella.

Anche la settimana precedente, grazie ad una wild card aveva esordito nelle qualificazioni del challenger di Marbella, e in questo caso si è dovuto arrendere ad un altro veterano del circuito, Daniel Taro, Il giapponese ha impartito un'altra lezione di tennis allo svedese chiudendo il match con un 6-1 6-2.

Servirà ancora tanta gavetta ed esperienza a Borg junior per riuscire a scalare le posizioni del ranking e costruire il suo gioco. Difficile al momento anche solo immaginare una carriera che si possa minimamente paragonare a quella del padre.

Ma sognare non costa nulla e e i mezzi di certo non gli mancano, specie quando sei un ragazzo di 17 anni che di cognome fa Borg