Marta Kostyuk dopo la positività: "È stata più dura del previsto"



by   |  LETTURE 4458

Marta Kostyuk dopo la positività: "È stata più dura del previsto"

Il Coronavirus, seppur fortunatamente con intensità non sempre ragguardevoli, non ha risparmiato nessuna categoria, e ovviamente, nemmeno quella degli atleti professionisti. Tanti gli sportivi costretti a fare i conti con la malattia, alcuni obbligati a lunghe quarantene, altri colpiti più duramente e altri ancora a cui la positività ha impedito di partecipare a eventi che magari stavano preparando da settimane.

L’ultima notizia riguarda la giovane tennista Marta Kostyuk, 18 anni, ucraina, che ha raccontato recentemente di aver avuto un’esperienza poco felice dopo aver contratto il virus, nonostante la giovane età e l’ottimo stato di salute.

Ecco le parole di Marta dopo la brutta esperienza

"Due settimane fa sono risultata positiva al COVID-19. Il virus ha colpito gravemente i miei polmoni, oltre ad aver debilitato molte mie funzioni. Tutto ciò ha reso l'esperienza molto più impegnativa del previsto.

Ora sì, finalmente sono sulla strada giusta. A presto, Miami ", ha dichiarato la giovane atleta, che, come detto da lei stessa nel messaggio, tornerà in campo nel torneo della Florida, il Miami Open, che avrà il via dal 24 marzo.

Una carriera che promette bene quella della tennista ucraina, molto giovane ma già determinata a far sentire la propria voce anche nei tornei più importanti. Lo testimonia ad esempio l'accesso al tabellone principale degli Australian Open già nel 2018, quando è diventata la prima tennista nata nel 2002 a riuscire in tale impresa spingendosi addirittura fino al terzo turno.

Un’escalation che si è confermata tale l’anno scorso quando è riuscita a conquistare il terzo turno a New York e anche quest’anno, quando al torneo di Dubai ha centrato la prima semifinale della propria carriera nel circuito WTA, guadagnando ulteriori posizioni in classifica (attualmente è entrata nelle prime 80 giocatrici del mondo).

Una stagione che, come detto, è stata solo parzialmente interrotta dalla malattia, ma che sarà destinata a regalarle altre soddisfazioni, probabilmente ancora più grandi del passato.