Tsitsipas va controcorrente: "La Rod Laver Arena mi è parsa molto lenta"



by   |  LETTURE 1821

Tsitsipas va controcorrente: "La Rod Laver Arena mi è parsa molto lenta"

Si sa, il tennis, più di altri sport, vive di sensazioni, vibrazioni e tanta soggettività. Condizioni di gioco che per un atleta possono rivelarsi avverse e imprevedibile possono rappresentare un’oasi felice per il proprio avversario.

E lo stesso discorso vale per la superficie su cui si gioca un torneo, che potrebbe risultare un’insidia come un vantaggio per tanti fattori, dalla rapidità al rimbalzo della pallina, passando per la qualità del terreno.

Un esempio concreto ci viene per l’appunto offerto dall’Australian Open, dove si è scatenata una diatriba sulla velocità della superficie del campo centrale, ritenuta dalla stragrande maggioranza dei giocatori la più rapida da molti anni a questa parte.

"Sembra quasi di giocare sul ghiaccio, non ho mai visto un campo così veloce negli ultimi 15 anni", ha infatti dichiarato Novak Djokovic ai microfoni di Eurosport pochi giorni fa. Il numero uno del mondo non è stato tra l’altro l’unico tennista ad aver sottolineato questo elemento di parziale novità nel primo slam della stagione.

Un’evidenza che sembrerebbe essere supportata dalle immagini, che raccontano di una grande incidenza del servizio (lo stesso Nole ne ha fatto le spese contro Tiafoe perdendo un set contro l’americano al secondo turno).

Di parere contrario invece è risultato il greco Stefanos Tsitsipas, protagonista ieri di una vera e propria maratona conto l’australiano Kokkinakis. Una voce fuori dal coro stimolata da una domanda rivoltagli in conferenza stampa proprio sulla base dell’opinione rilasciata da Djokovic poche ore prima.

Ecco le parole del greco che giocherà domani contro Ymer

“Trovo che Rod Laver sia uno dei campi più lenti in circolazione. Gli altri campi di Melbourne park forse si, vanno più veloci. Nonostante il campo fosse lento, ho faticato a rispondere al suo servizio e ho perso molte opportunità.

Tornando alla velocità del campo, questo è un problema molto simile alla maggior parte dei tornei del Grande Slam: non tutti i campi hanno la stessa velocità all’interno di uno stesso torneo. Tuttavia non mi sono troppo concentrato su questo fattore” - ha dichiarato il tennista greco in una conferenza stampa.