Amanda Anisimova: “Sono risultata positiva al tampone”



by   |  LETTURE 1427

Amanda Anisimova: “Sono risultata positiva al tampone”

La diciannovenne Amanda Anisimova è nata a Freehold, Stati Uniti, il 31 agosto 2001. Nell’estate 2019 ha superato Harmony Tan, Aryna Sabalenka, Irina-Camelia Begu, Aliona Bolsova e Simona Halep per raggiungere la sua primissima semifinale Slam in quel di Parigi, perdendo poi al terzo set contro l’australiana Ashleigh Barty.

Nella stagione che si è appena conclusa non è mai riuscita a disputare un ottavo di finale nei tre eventi Major, toccando al massimo la semifinale ad Auckland (battuta da Serena Williams). Oggi al numero 30 delle classifiche mondiali, Amanda è stata anche 21° nell’ottobre del 2019.

L’assenza di Anisimova negli Emirati Arabi

In questi giorni, la giocatrice americana avrebbe dovuto prendere parte al torneo di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, ma all’ultimo momento ha comunicato la propria assenza.

Il motivo? Amanda ha rivelato di essere risultata positiva al test per il Coronavirus e dovrà pertanto trascorrere adesso il periodo di quarantena fino a quando non sarà del tutto guarita. Anisimova ha vinto un unico titolo in carriera: si tratta dell’edizione 2019 del Claro Open Colsanitas di Bogotà, in Colombia, dove ha superato nell’ultima partita l’australiana Astra Sharma in tre set.

Amanda ha raggiunto la finale anche di Hiroshima nel 2018, ma è stata sconfitta in finale da Hsieh Su-wei con il punteggio di 6-2 6-2. La pandemia di Coronavirus, ormai in atto da quasi un anno, ha portato alla morte di poco meno 2 milioni di persone, infettandone ben 89 milioni.

Nelle ultime settimane sono stati finalmente approvati diversi vaccini, che si spera abbasseranno la pericolosità del virus permettendoci di tornare a poco a poco alla normalità di un tempo. Per quanto riguarda gli Australian Open di Melbourne, al via tra un mese, Amanda Anisimova è stata in grado di raggiungervi gli ottavi di finale due anni fa, fermata dalla ceca Petra Kvitova in due parziali.

Nel 2021 si terranno le Olimpiadi di Tokyo, posticipate di dodici mesi a causa del virus: stesso destino subito anche da Wimbledon, cancellato per la prima volta dal 1945. Photo Credit: BNP Paribas Open