Serena Williams, il marito: "Prima di incontrare Serena odiavo il tennis"



by   |  LETTURE 3183

Serena Williams, il marito: "Prima di incontrare Serena odiavo il tennis"

Il 17 Novembre 2017 è una data molto importante per Serena Williams che si è sposata con l'uomo di affari americano, cofondatore e CEO del sito web Reddit Alexis Ohanian. Dalla loro unione è nata la piccola Olympia ed i tre sembrano essere davvero una famiglia "perfetta"

Ai microfoni della CNN il ragazzo dell'elite americana ha raccontato qualcosa sulla sua vita e sul suo rapporto con la tennista, vincitrice di 23 titoli del Grande Slam e sicuramente tra le tenniste più forti della storia.

Alexis Ohanian ed il suo ruolo con Serena Williams

Ecco alcune dichiarazioni del marito "vip":
"Mi sono seduto in prima fila per vedere tutto quello che fa Serena, per comprendere il suo ruolo nel mondo ed ho scoperto come è diversa dagli altri.

So quanto ha lavorato per tutto, non solo come donna ma anche come donna di colore. Allo stesso tempo Olympia non metterà mai in dubbio tutto il gran lavoro svolto da sua madre ed un giorno glielo spiegherò, ma voglio farle capire che anche io faccio la mia parte"

Sul razzismo Ohanian ha detto: "Se devo essere onesto non so come Serena faccia. La gente crede che lei e Venus siano arrivate lì facilmente, ma la realtà non è questa. Il percorso è duro, è un peccato che l'umanità non sappia godersi il meglio di ciascuno di loro ed anzi è scoraggiante.

Le persone cattive sono sempre presenti nella nostra società" Alexis Ohanian ha spiegato anche come viveva il tennis prima e dopo l'incontro con Serena: "Ho odiato il tennis per tanto tempo, fin quando non ho incontrato mia moglie ed ho provato a impararlo.

Sono sempre un appassionato di sport e quando ho assistito da vicino ad una finale ho capito il privilegio che avevo. Ora apprezzo il mondo del tennis, ho capito quanto il mondo del tennis sia un mondo difficile ed intenso.

Nel mondo della tecnologia lavoriamo molto e davvero sodo, ma siamo stati ingenui visto che il lavoro svolto da un tennista professionista, sia a livello fisico che mentale, è assolutamente di un altro livello"