Cosa può cambiare per i "Big Three" dopo la nuova regola ATP sul ranking



by   |  LETTURE 5197

Cosa può cambiare per i "Big Three" dopo la nuova regola ATP sul ranking

La decisione presa dall’ATP sul mantenimento dei punti per tutti i tornei ufficiali che si svolgeranno per questa seconda parte di 2020 crea degli scenari curiosi e particolari in vista della ripresa delle competizioni e dei due Slam cosi ravvicinati.

Alcuni giocatori avranno la possibilità di beneficiare maggiormente della regola introdotta dall’Associazione dei tennisti rispetto ad altri, in virtù del fatto che le posizioni in classifica saranno determinate dai 18 migliori risultati raggiunti tra marzo 2019 e dicembre 2020.

Questo nuovo sistema è un'arma a doppio taglio per tennisti come Rafa Nadal. Il 19 volte campione Slam durante i tornei che si disputeranno da fine agosto in poi ha accumulato 5.360 punti ottenuti come campione degli US Open, Roland Garros e Masters 1000 di Roma (2000 agli US Open, 2000 al Roland Garros e 1.000 a Roma) oltre al 360 come semifinalista a Madrid.

Quindi considerando che non perderà alcun punto di quelli già ottenuti nell’anno passato, Nadal potrà sperare di aggiungerne solo 2.140. Per farlo il maiorchino dovrebbe vincere il torneo di Washington (500), il Masters di Cincinnati (1000) e quello di Madrid (640).

Situazione differente per Novak Djokovic. Il tennista serbo trarrebbe beneficio da questa situazione perché manterrà 2.860 punti: 1000 come campione del Mutua Madrid Open, 720 come semifinalista del Roland Garros, 600 come finalista a Roma e 540 aggiunti tra Cincinnati e Roland Garros.

Tuttavia, il serbo potrebbe aumentare ulteriormente il suo vantaggio ai vertici della classifica, poiché Djokovic potrebbe accumulare 4.640 punti nei tornei confermati nel caso in cui sia campione a Washington (500), Cincinnati (640 in più rispetto allo scorso anno), US Open (1820 punti in più), Roma (400 in più) e Roland Garros (1280 in più).

Questa misura potrebbe aiutare Novak Djokovic ad avvicinarsi al record assoluto di settimane come numero uno della classifica che al momento è detenuto da Roger Federer con 310 settimane. Djokovic è terzo con 282, quattro in meno di Sampras, dopo che la classifica è stata congelata il 22 marzo.

Un altro che ha beneficiato di questa nuova regola è Roger Federer. Lo svizzero non avrà alcuna possibilità di aggiungere punti nel 2020 poiché ha salutato la stagione dopo le operazioni al ginocchio a cui è stato sottoposto.

Tuttavia, Federer conserverà i 1530 punti conquistati tra Roland Garros, US Open, Roma, Madrid e Cincinnati nel 2019. Tuttavia, se Dominic Thiem migliora i suoi risultati rispetto allo scorso anno in questi tornei, l'austriaco prende le distanze dallo svizzero nel classifica e potrebbe persino minacciare la seconda posizione di Rafa Nadal