Thiem fa retromarcia e si scusa: "Il nostro comportamento un errore"



by   |  LETTURE 1755

Thiem fa retromarcia e si scusa: "Il nostro comportamento un errore"

Per il mea culpa, Dominic Thiem si è affidato a Instagram. Il talento austriaco è stato uno dei principali protagonisti della prima tappa dell’Adria Tour (quella a Belgrado) condita a cuore leggero da feste e partite a calcio.

Ovviamente in barba a qualsiasi norma sul distanziamento sociale. Dopo Grigor Dimitrov, Borna Coric, Viktor Troicki e Novak Djokovic, il numero tre del mondo non si è ritrovato nella lista dei positivi al coronavirus.

Con un messaggio povero di ipocrisia, ha comunque voluto ritrattare le proprie convinzioni. «Abbiamo giocato per molte settimane senza pubblico, quindi eravamo più che felici di averlo durante l’esibizione.

Ci siamo fidati delle regole del governo serbo sul coronavirus, ma siamo stati troppo ottimisti. Il nostro comportamento è stato un errore, sono estremamente dispiaciuto. Ho fatto cinque volte il test negli ultimi dieci giorni risultando sempre negativo.

Auguro il meglio a chiunque sia stato infettato e una pronta guarigione»

Thiem non stacca il piede dall'acceleratore. Pronto un tour-de-force nel circuito delle esibizioni

Dopo aver vinto il mini-torneo in Serbia (battendo in finale Filip Krajnovic) il numero tre del mondo è volato a Nizza per testare il rivoluzionario tennis mordi-e-fuggi firmato Patrick Mouratoglu.

Dopo aver perso all’esordio contro Richard Gasquet, l’austriaco ha superato in maniera tutto sommato brillante Stefanos Tsitsipas e ha trovato una posizione tutto sommato comoda anche nella classifica generale.

Al motto “il lupo perde il pelo ma non il vizio” Thiem ha deciso di regalarsi un tour-de-force anche nel circuito delle esibizioni. Ha già giocato a Kitzbuhel, a Belgrado e a Nizza. A metà luglio parteciperà alla doppia-esibizione a Berlino in compagnia di Nick Kyrgios, Alexander Zverev e Jannik Sinner (prima sul cemento e poi sull’erba) e anticiperà ovviamente gli impegni con un mini-torneo in Austria che vedrà ai nastri di partenza anche Matteo Berrettini, Gael Monfils, Andrey Rublev e Karen Khachanov.

Nell’entry list compare anche Coric: sfortunatamente rimane da capire semplicemente da chi verrà rimpiazzato. Photo Credit: Getty Images