Simona Halep, altro che quarantena: "Sono in lockdown da 6 anni!"



by   |  LETTURE 14532

Simona Halep, altro che quarantena: "Sono in lockdown da 6 anni!"

Il mondo del tennis è fermo da mesi a causa della Pandemia legata all'Emergenza Coronavirus. Tanti tennisti hanno affrontato questo periodo in maniera differente: dai social alla cucina fino agli allenamenti in casa.

L'ultima campionessa di Wimbledon, la tennista rumena Simona Halep ha approfittato di questo periodo per ripensare ad alcuni momenti della sua vita. Attraverso i microfoni di Agerpres l'ex numero 1 al mondo ha affermato: "Ho imparato davvero molto dall'isolamento che abbiamo affrontato negli ultimi due mesi.

In realtà mi sono resa conto che ho vissuto in questo stato di blocco totale, un Lockdown, negli ultimi sei anni. Ho capito grazie alla quarantena che devo cambiare qualcosa nella mia vita. Certo, questa situazione mi ha portato ad essere la numero 1 al mondo, ma ora per pensare di avere una vita felice anche senza tennis, sto iniziando a provare nuove esperienze, nuovi sentimenti e vedo quindi altre cose.

Ho sempre vissuto la mia gioventù pensando solo ad allenarmi: alle 10 di sera dovevo essere a casa perché poi dovevo allenarmi il mattino dopo. Non sono mai riuscita a lasciarmi andare totalmente eccetto in questo ultimo periodo.

Sono orgogliosa di quello che ho fatto recentemente"

La Halep si impone uno stop al Lockdown

La campionessa rumena ha poi raccontato: "Questo momento è stato ideale per me, ho vissuto a casa per tre mesi senza spostarmi tra jet e camere d'albergo.

Niente di niente. Ho fatto allenamenti a casa, ma questa volta li ho anche saltati qua do potevo, alla fine sono consapevole che non si giocherà fino ad Agosto e quindi ho pensato di aver tempo. Sono fortunata inoltre a vivere vicino ad un'area forestale, vedo gli alberi verdi accanto a me.

Non ero mai rimasta a casa a vedere come iniziava la Primavera, è davvero tutto splendido" Infine conclude: "Ora mi rendo conto che questi anni sono stati un momento di corsa costante. Ero sempre di corsa per raggiungere i miei obiettivi, ma così stavo bloccando tutto. Prima pensavo solo al tennis, nient'altro"