Azarenka: "Gli uomini dovrebbero giocare sempre al meglio dei tre set"



by   |  LETTURE 2670

Azarenka: "Gli uomini dovrebbero giocare sempre al meglio dei tre set"

Victoria Azarenka, che attualmente occupa il 61esimo posto della classifica mondiale, ha scritto su Twitter che ridurre la lunghezza delle partite maschili contribuirà a migliorare la qualità complessiva del tennis che viene giocato.

Negli ultimi anni c'è stato un dibattito sulle partite al meglio dei cinque set. Questo formato è già stato rimosso dalla Coppa Davis e dai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020 dalla Federazione Internazionale di Tennis.

"Gli uomini dovrebbero solo giocare al meglio dei tre set a mio parere!

La qualità del tennis sarà molto migliore e si spera che così le finali o le semifinali non vengano rovinate a causa della stanchezza, come è successo qualche volta”. Azarenka ha scritto in risposta ad una domanda che gli è stata fatta su Twitter.

Durante Wimbledon, le due semifinali maschili sono state caratterizzate da una maratona che hanno avuto un impatto negativo sulla programmazione.

La vittoria di Kevin Anderson su John Isner e il trionfo di Novak Djokovic su Rafael Nadal equivalgono a oltre 11 ore di gioco. La partita di Djokovic è stata conclusa il giorno successivo, il che ha comportato un ritardo nella finale femminile.

Azarenka non è la prima giocatrice ad esprimere questa opinione.

L'anno scorso Billie Jean King ha detto che le sarebbe piaciuto avere lo stesso formato per uomini e donne negli Slam. In un editoriale per il Times, King scrisse: "Al meglio dei cinque è troppo per loro”.

Angelique Kerber ha speso un totale di 9 ore e 53 minuti sul campo per vincere il titolo femminile a Wimbledon. In confronto, Djokovic ha richiesto quasi il doppio, 17 ore e 53 minuti.

Da quando ha espresso il suo sostegno per la riduzione delle partite, Azarenka è stata colpita da una serie di commenti da parte di coloro che non sono d'accordo con la sua opinione.

"Tutto quello che sto dicendo è che persone diverse amano cose diverse, quindi se non è quello che ti piace vai avanti e fai ciò che ti rende felice.

Ma smetti di forzare ciò che ti piace o la tua opinione su altre persone. Dai la tua opinione e sii libero, ma va bene non essere d'accordo, basta essere gentile"