Billie Jean King: "Da bambina mi chiedevo perché giocassero solo bianchi"


by   |  LETTURE 950
Billie Jean King: "Da bambina mi chiedevo perché giocassero solo bianchi"

L’essere stata una campionessa in campo – dodici Slam vinti, tra cui sei successi a Wimbledon – è soltanto una parte della grandezza che tutti riconoscono a Billie Jean King, fondatrice della Wta e miglior condottiera possibile nella lotta per ottenere l’uguaglianza tra i sessi e non solo con una racchetta in mano.

Alla Genting Arena di Birmingham, BJK ha ricevuto il premio Sports Personality Of The Year dall’emittente britannica BBC, onorificenza che le è stata assegnata per l’intera carriera e non solo.

Il breve discorso di Billie Jean King è stato accolto da una standing ovation. «Quando avevo 12 anni ho avuto un’epifania – dice l’americana – giocavo nel mio circolo a Los Angeles e vedevo tutti che giocavano con abiti bianchi, scarpe bianche, palle bianche, ed erano tutti bianchi. E mi chiedevo “E tutti gli altri dove sono?”. Da quel momento mi sono impegnata a lottare per l’uguaglianza e l’inclusione per il resto della mia vita».