Peng Shuai squalificata sei mesi, il motivo è clamoroso!


by   |  LETTURE 5894
Peng Shuai squalificata sei mesi, il motivo è clamoroso!

La tennista cinese Peng Shuai è stato disciplinata per aver violato il codice anticorruzione dello sport tentando di cambiare la sua partner di doppio dopo la scadenza di iscrizione. La giocatrice riceverà una squalifica di sei mesi, con tre mesi di sospensione e dovrà pagare una multa di 10.000 dollari.

Si è infatti scoperto che Peng aveva usato la coercizione e aveva offerto la possibilità di una ricompensa finanziaria alla sua compagna di doppio, se quest’ultima si fosse ritirata dall’evento di doppio femminile a Wimbledon 2017.

Sebbene l’offerta sia stata rifiutata e Peng Shuai non abbia successivamente partecipato al torneo, la sola offerta costituisce una violazione della sezione D. 1 del Tennis Anti-Corruption Program, che riporta la seguente dicitura: “Nessuna persona deve, direttamente o indirettamente, alterare o tentare di alterare il risultato o qualsiasi altro aspetto di qualsiasi evento”.

Il responsabile dell’Independent Anti-Corruption Hearing Officer, Richard H. McLaren, ha esaminato il caso in occasione di un’audizione tenutasi a Londra il 16 luglio 2018, a seguito di un’indagine della Tennis Integrity Unit.

Come accennato precedentemente, la decisione del prof. McLaren impone una squalifica di sei mesi, con tre di sospensione e una sanzione di 10.000 dollari, con 5.000 dollari sospesi, a condizione che non vengano commesse ulteriori violazioni.

La sospensione si applica con effetto immediato, ciò significa che la tennista non può competere o partecipare a qualsiasi evento ufficiale. Peng Shuai potrà quindi tornare a competere l’8 novembre 2018.

La trentaduenne è attualmente la numero 20 in doppio e 80 in singolare.
.