WTA FINALS - Pliskova: "Sono ancora sotto shock"



by   |  LETTURE 7852

WTA FINALS - Pliskova: "Sono ancora sotto shock"

Non è facile da digerire una sconfitta come quella subita ieri da Garbiñe Muguruza. Avanti 4-0 e poi 5-2, con tanto di match point. La spagnola ha rilasciato le proprie dichiarazioni a Marca e si è mostrata visibilmente delusa per non aver colto l’occasione di ottenere la vittoria nel suo match d’esordio a Singapore.

"Sono un po’ delusa perché ho avuto la mia occasione. Lei mi ha messo molta pressione col suo servizio", ha affermato la numero 6 al mondo. "Questi match sono decisi su un paio di punti. All'inizio, lei ha colpito 25.000 righe ed eguagliare il suo livello mi è costato.

Allora ho pensato che il risultato non avrebbe potuto essere come a Cincinnati e l’ho fatta correre un po’", ha aggiunto. Muguruza ha raccontato di come ha vissuto il match point, che ha perso con un colpo che si è infranto sulla rete.

"È vero che avrei potuto giocare meglio il match point, ma ho visto un miglioramento nel mio gioco rispetto all'ultima volta che ho giocato e voglio salvare questo", ha detto Garbiñe, che ha ancora dolore alla caviglia, cosa che l’ha costretta a rinunciare al match d’esibizione contro Maria Sharapova, fissato per Dicembre.

"Devo prendermi cura della mia caviglia. Farò un trattamento, ma ancora non so esattamente cosa farò. Il medico mi ha raccomandato un trattamento specifico, per cui non sarò in grado di giocare per tre o quattro settimane, e vorrei disputare una buona preseason", ha concluso.

Dall’altra parte, Karolina Pliskova non si aspettava di certo di vincere il match contro Garbiñe Muguruza al suo esordio nel Gruppo Bianco delle WTA Finals 2016, soprattutto quando ha dovuto salvare il match point: "Sono ancora sotto shock per aver vinto questa partita.

Nel mio cuore sapevo di poter vincere, ma lei stava giocando molto bene nel secondo e nel terzo set. Nel tennis ci vengono sempre concesse delle opportunità, quindi sono molto felice dopo questa vittoria", ha confessato la ceca.