Australian Open - Esordio sul velluto per Sinner: Edmund dura meno di un set

Come ad Adelaide, Sinner lascia inalterati tempistiche e modi. Minimo sforzo e massima resa per il tennista azzurro, che affronterà al secondo turno Etcheverry

by Perri Giorgio
SHARE
Australian Open - Esordio sul velluto per Sinner: Edmund dura meno di un set

A una manciata di settimana dalla sfida di Adelaide, Jannik Sinner lascia inalterati modi, tempistiche e sopratttutto il finale contro il redivivo Kyle Edmund, al ritorno nel circuito maggiore dopo un lunghissimo infortunio.

Il talento azzurro di fatto sbriga la pratica dopo un set mantenendo altissimo il livello di concentrazione e il livello di intensità. Con il servizio a disposizione e soprattutto da fondocampo. Emblematico il 6-4 6-0 6-2 che matura dopo poco meno di due ore di gioco, condito dal 24 vincenti, 25 errori non forzati e il 79% di punti con la prima palla.

Insomma: Sinner flirta con il break già nei primi due turni di risposta e assesta la spallata decisiva nel quinto game. La differenza è tutta dettata dalla costanza, con Sinner che trova armi sufficientemente valide per non esagerare ed Edmund che ovviamente nel tentativo di rimanere aggrappato alla sfida va costantemente fuori giri e cerca un po' di snaturarsi per non rimanere vittima della regolarità del numero quindici del seeding.

Dopo un primo set che vince limitandosi a mantenere il servizio, il tennista azzurro lascia per strada le briciole a cavallo tra il secondo e il terzo. Stravince sotto ogni punto di vista la seconda frazione e nel terzo si limita al compitino.

Come auspicato da Vagnozzi alla vigilia, ottiene il successo con il minimo sforzo e la massima resa qualificandosi quanto meno per il secondo turno. Ad attenderlo il non impossibile test con Etcheverry, giustiziere di Barrere.

Gli altri risultati della primissima parte di giornata

La sorpresa più grande nella primissima parte di giornata a Melbourne Park è il forfait di Nick Kyrgios. Per il resto c’è francamente poco da registrare, sia nel tabellone maschile che in quello femminile.

Anche se Denis Shapovalov e Sebastian Korda hanno rispettivamente bisogno di un set extra contro Lajovic e Garin. Lo Slam down under si accende insieme alla buonissima vittoria di Bianca Andreescu contro Bouzkova, ma anche quella di Marta Kostyuk contro Amanda Anisimova. Tutto facile anche per Emma Raducanu, Maria Sakkari e Petra Kvitova. Photo Credit: Getty Images

Australian Open
SHARE