Australian Open - Tsitsipas sfiora la perfezione: Sinner si ferma ai quarti



by   |  LETTURE 2472

Australian Open - Tsitsipas sfiora la perfezione: Sinner si ferma ai quarti

Dovessimo affidare a un semplicissimo aggettivo il compito di sintetizzare la prestazione di Stefanos Tsitsipas non faremmo poi tanta fatica. Ingiocabile. Il talento greco si desta dal torpore accumulato a cavallo tra il primo turno e gli ottavi di finale con Taylor Fritz nel momento migliore.

Ai piedi della semifinale. Niente da fare per Jannik Sinner, spettatore passivo della ‘Tsitsi-Masterclass’ sulla Rod Laver Arena, poche se non nulle le recriminazioni. Il 6-3 6-4 6-2 che matura alla soglia delle due ore e dieci di gioco lascia poco spazio alle interpretazioni.

Il numero quattro del gruppo raggiunge quindi il tavolone dei primi quattro sul blu di Melbourne Park per la terza volta in carriera: ad attenderlo presumibilmente Daniil Medvedev, chiamato comunque al test Felix Auger Aliassime.

Troppo Tsitsipas per Sinner: non c'è partita

Il confronto da fondocampo si rivela impari. Sinner, falloso con il rovescio e lento con i piedi in avvio, lascia per strada complessivamente sei punti con la battuta a disposizione: cinque solamente nel terzo game.

Tsitsi, che ne approfitta immediatamente, mantiene i piedi appiccicati sulla linea di fondo riesce soprattutto a evitare la diagonale sinistra. Chiamato a custodire un break di vantaggio, e a confermare il primo strappo, il talento greco non apporta in realtà modifiche al copione e mette la testa avanti.

Il greco entra in God-Mode – espressione tanto gradita dai colleghi americani – a cavallo tra il secondo e il terzo set. Preciso, veloce, potente. ‘Tsitsi’ assesta la spallata decisiva prima di una breve interruzione per pioggia – sul 2-1 – ed elimina poi completamente dal progetto gli errori non forzati.

Altissima la percentuale di punti con la prima palla (43/52) stellare la qualità negli scambi prolungati. Soprattutto sul lato prediletto da Sinner. Il numero quattro del gruppo concede le briciole in tutte le porzioni di campo.

Sinner, che complessivamente gioca anche una discreta partita, non riesce in alcun modo a trovare delle contromisure. Tanto meno ad apportare delle migliorie al piano tattico. Tsitsipas si procura la prima palla break del terzo set con uno splendido passante di rovescio e sopravvive poi a un robustissimo scambio sulla diagonale destra nel quindici immediatamente opposto.

Il greco fa poi in tempo ad assestare un altro gancio in risposta e spalancare l'ennesima porta di giornata per il 5-2. Per chiudere è sufficiente il primo match point. Photo Credit: Getty Images