Boris Becker critica la prestazione di Zverev: "Molto deludente"



by   |  LETTURE 2149

Boris Becker critica la prestazione di Zverev: "Molto deludente"

L’ex numero 1 al mondo Boris Becker, ai canali di Eurosport, ha criticato la mancanza di impegno da parte di Alexznder Zverev nella gara persa a sorpresa in tre set contro Denis Shapovalov agli Australian Open. Il sei volte vincitore slam ha anche avuto da ridire sulla tattica passiva messa in campo dal 24enne tedesco che non è riuscito in alcun modo ad impensierire il canadese spaccando, tra l'altro, una racchetta durante l'incontro.

"Molto deludente", ha dichiarato Becker. "Sascha non ha mai trovato il suo gioco, non ha sviluppato dinamismo o aggressività. Fin dall'inizio, si ha avuto la sensazione che Shapovalov fosse sempre un passo avanti. Il canadese era più vivace.

Non vedevo Zverev così passivo da molto tempo. Puoi perdere e giocare male, ma devi comunque fare uno sforzo e dare l’anima in campo. Oggi ci è mancato questo".

"IL SOGNO DI SASCHA DI ESSERE NUMERO UNO DOPO QUESTO SLAM E' SVANITO"

Becker, che agli Australian Open ha trionfato in due occasioni, ha anche evidenziato il fatto che, il suo connazionale, ha perso l’occasione di poter puntare alla prima posizione del ranking mondiale:
"Il sogno di Sascha di essere il numero uno al mondo dopo gli Australian Open ora è svanito" -ha continuato a Eurosport- "Deve pensare a quello che ha fatto.

Prima traboccava di fiducia, ma nelle ultime settimane è successo qualcosa dall'Australia. La sua grande forza è il suo servizio, ma ha fatto solo tre aces e otto doppi falli. Ha aspettato troppo a lungo sulla linea di fondo e ha solo giocato la palla, sperando poi che l’avversario commettesse un errore.

Ma Shapovalov è troppo bravo per questo. Non ha mai messo davvero pressione al canadese e lui ha spinto. Gli ottavi di finale non sono abbastanza per un top player come Zverev”- ha concluso Boris Becker Alexander Zverev quindi continua a non svoltare la sua carriera per quel che riguarda gli slam.

Il tedesco nativo di ha anche un record non positivo di 4 vittorie su 19 incontri disputati contro giocatori della top 20 nei tornei maggiori. Ma non solo. Il campione olimpico di Tokyo non ha mai battuto, negli Slam, un top 10.