Australian Open Q - Errani e Cocciaretto al turno decisivo. Out tutti gli uomini



by   |  LETTURE 1552

Australian Open Q - Errani e Cocciaretto al turno decisivo. Out tutti gli uomini

A un passo dal traguardo, si assottiglia sensibilmente la presenza azzurra nel tabellone cadetto degli Australian Open. A tenere alta la bandiera sono sostanzialmente le donne. Che chiudono anche il day-3 con un bottino di due vittorie e una sconfitta.

A giocarsi un posto nel main draw saranno infatti Sara Errani (capace di spingersi fino ai quarti di finale nove anni fa) ed Elisabetta Cocciaretto. La bolognese rimonta un set di svantaggio alla spagnola Georgina Garcia Perez e si piazza nello spicchietto di tabellone occupato dalla rediviva Ana Konjuh – ex numero venti del mondo, a caccia di una nuova vita dopo due anni da incubo causati da un problema al gomito – con un obiettivo ben chiaro.

Quello di ritornare nel tabellone principale dello Slam downunder dopo tre anni di assenza. Nonostante qualche patema nel cuore della seconda frazione, supera di fatto il taglio del secondo turno anche la diciannovenne marchigiana.

Che proprio dodici mesi fa – a Melbourne Park – aveva staccato per la prima volta in carriera il biglietto per il tabellone principale di un Major. Reduce da un laborioso 6-4 7-6(4) ai danni della belga Marie Benoit, la tennista italiana troverà sulla strada la francese Harmony Tan.

Niente da fare per Giulia Gatto Monticone, battuta in due set dalla russa Savinykh. Da registrare nel day-3 anche il passo falso di Eugenie Bouchard, capace di raccogliere appena sei game contro la cinese Yuan.

Tabellone maschile: fuori tutti gli italiani

Nessun azzurro riesce invece a raggiungere il turno decisivo.

Perde in apertura di giornata Lorenzo Giustino (che nel tie break del secondo set, contro il croato Borna Gojo, spreca un set point) e perde poco prima del tramonto anche Gian Marco Moroni. Già bravo ad annotare sul taccuino delle vittime, peraltro in rimonta, Mischa Zverev.

“Fratellone” di Sascha. Contro Robin Haase – capace di raggiunge il terzo turno sul cemento di Melbourne Park nel duemilaundici – perde male il primo set e non riesce a difendere un break di vantaggio in tre occasioni nel secondo. 6-4 7-5 il punteggio finale.