Australian Open, previste regole rigide che vanno dalla squalifica all'arresto



by   |  LETTURE 1952

Australian Open, previste regole rigide che vanno dalla squalifica all'arresto

Manca oramai davvero meno di un mese al primo torneo del Grande Slam del 2021, ovvero l'Australian Open. C'è grande attesa per tutto ciò che accadrà a Melbourne e sopratutto per l'organizzazione attorno ad un torneo in un paese dove ci sarà la presenza di pubblico nonostante nelle ultime settimane vi sia stato un piccolo ma sempre più evidente aumento di casi Covid-19 in Australia.

Gli organizzatori degli Australian Open non vogliono però correre il minimo rischio per quel che riguarda la trasmissione del virus e per questo motivo tutti i tennisti, i vari staff tecnici e gli assistenti devono rispettare rigorosamente i protocolli di sicurezza previste poiché in caso contrario le conseguenze potrebbero essere molto negative.

Tiley spiega come si comporteranno agli Australian Open

Il direttore della federazione australiana ed in generale degli Australian Open Craig Tiley ha rilasciato un'intervista molto interessante ai microfoni di The Age.

Ecco in primis il comunicato di Tennis Australia: "Oltre a multe di circa 20 Mila dollari e di sanzioni penali, qualsiasi violazione del protocollo potrebbe comportare una delle seguenti ulteriori sanzioni 'squalifica dal torneo, perdita del premio in denaro, quarantena ancora più estesa, isolamento in camera d'albergo ordinata dal Governo, arresto e deportazione'

Poi Tiley ha continuato: "Gli Slam hanno un diverso insieme di regole e cosa più importante siamo molto rigidi riguardo all'applicazione di queste. I giocatori capiscono che qualsiasi infrazione potrebbe portare alla squalifica e tutti sarebbero poi costretti a rientrare nel proprio paese.

Se qualcuno trova faticoso rispettare queste regole, allora, per loro sarebbe meglio non venire" Va ricordato che inizieranno oggi le qualificazioni dell'Australian Open ma in maniera eccezionale si giocheranno a Doha e Dubai.

Dopo aver superato un periodo di quarantena di quattordici giorni dove i tennisti potranno allenarsi con un collega nella prima settimana e con altri due tennisti nella seconda settimana, si prevede che ci saranno circa 1200 persone che occuperanno la struttura di Melbourne nel corso del torneo e ogni precauzione sarà importante.

Novak Djokovic e Sofia Kenin saranno coloro che parteciperanno al torneo e difenderanno il titolo vinto lo scorso anno.