Luci e ombre sui prossimi Australian Open, ne parla il Ministro dello Sport



by   |  LETTURE 897

Luci e ombre sui prossimi Australian Open, ne parla il Ministro dello Sport

Tennis Australia e le autorità governative continuano a divulgare dettagli sulla composizione del calendario estivo di Down Under mentre Victoria, sede dell'Australian Open, esce lentamente dalle restrizioni COVID-19.

Martin Pakula, ministro dello Sport, Turismo e Grandi Eventi di Victoria, dice che "c'è molto lavoro da fare" ma rimane "estremamente fiducioso" che lo Slam andrà avanti a Melbourne. Le regole per la quarantena in diversi Stati per le stelle del tennis che arrivano dall'estero sono tra alcuni dei punti critici, così come il numero di spettatori ammessi a Melbourne Park per l'evento del grande slam.

I funzionari del tennis stanno spingendo per ottenere un protocollo che consentaai giocatori di recarsi sul campo di allenamento e partecipare ad altri eventi "Si tratta davvero di come i giocatori possono allenarsi quando atterrano perché non vogliono ovviamente sedersi nella stanza d'albergo per quattordici giorni senza essere in grado di muoversi e fare esercizio", ha detto Pakula al Break Point podcast.

"Dobbiamo riuscire a capire come li facciamo entrare e uscire da Melbourne Park in sicurezza, come li teniamo lontani gli uni dagli altri, come teniamo gli spettatori lontani da loro" Il calendario del tennis ha assunto un aspetto nettamente diverso nel 2020 a causa dell'impatto mondiale del coronavirus.

Wimbledon è cancellato per la prima volta dal 1945, mentre gli US Open si sono giocati senza pubblico e gli Open di Francia riprogrammati con un numero limitato di spettatori. In un anno normale, ci sarebbero stati numerosi tornei di punta in tutte le città australiane prima che il circus approdi a Melbourne Park.

L'anno scorso il nuovo torneo a squadre maschile della ATP Cup si è svolto per la prima volta in tre città: Perth, Brisbane e Sydney.

Alla ricerca del giusto protocollo per gli Australin Open 2020

"Se questi eventi si svolgono in altre città, molti giocatori verranno messi in quarantena lì dove giocheranno e non potranno spostarsi a Melbourne", ha detto Pakula.

"Dobbiamo lavorare sulle bolle di viaggio, dobbiamo lavorare sulla questione tifosi" Il boss di Tennis Australia Craig Tiley ha precedentemente espresso l'opinione che uno scenario migliore è quello di avere tifosi a Melbourne al 50% della capacità normale - circa 400.000 spettatori.

"Sono estremamente fiducioso che il torneo andrà avanti", ha detto Pakula. "Sono ragionevolmente fiducioso che avremo anche i tifosi" "L'Australian Open è una parte incredibilmente importante della vita culturale di questo Stato e delle nostre vite sportive.

Sono determinato che perchè si giochi al meglio"